De Laurentiis: «Nei momenti di difficoltà abbiamo il dovere di conservare la lucidità! Non si molla nulla…»



Qualche ora dopo la sconfitta maturata inopinatamente sul campo del Teramo, il presidente del Bari ha voluto far sentire la voce della società in questo momento delicato.

Uno scivolone maturato in maniera davvero incredibile che però lascia segni profondi nell’ambiente biancorosso. Lo sconforto serpeggia in maniera piuttosto palese, ma Luigi De Laurentiis non ci sta a gettare la spugna con quasi un girone ancora da giocare e preferisce percorrere la strada della calma.

«Giornate come quella di oggi – si legge sul sito internet ufficiale del club – mettono alla prova la nostra tenuta emotiva, perché la rabbia e la delusione rischiano di prendere il sopravvento. Ma è proprio nei momenti di difficoltà che abbiamo il dovere di conservare la giusta lucidità, estraniarci da tutto ciò che può destabilizzare e condizionare negativamente il nostro lavoro, compattarci e continuare sul nostro percorso. Abbiamo investito tempo, risorse ed energie in questo progetto. C’è un gruppo di lavoro forte, ne sono convinto. Direttore, mister e staff lavorano costantemente, giorno dopo giorno, per migliorare sotto ogni aspetto; la squadra è composta da uomini, prima che da calciatori, che ci mettono impegno e volontà».

Il massimo dirigente del sodalizio pugliese resta comunque carico e conserva la solita perseveranza: «Tutto questo fino a ora non è bastato. Vuol dire che ci impegneremo e lavoreremo ancora di più, insieme. Perché non si molla nulla; non è nel nostro stile. E perché abbiamo una città intera che ci sostiene, anche quando ci critica. La rincorsa al primo posto non si ferma oggi. Continueremo, senza sosta: il nostro obiettivo non è cambiato. Forza Bari, sempre!».





About Redazione barinelpallone 3171 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

3 Comments

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*