Cianci al settimo cielo: «Emozione unica, sono senza parole! Sono stato fermo 15 giorni, ma ora sono pronto…»

Le dichiarazioni dell'attaccante biancorosso al termine della gara contro il Monopoli decisa da un suo gol



BARI – A decidere il derby tra Bari e Monopoli è stato proprio lui, l’uomo più atteso. Pietro Cianci, nato a Barivecchia, sapeva che oggi avrebbe finalmente fatto il suo esordio in maglia biancorossa, ma che un suo gol avrebbe regalato in extremis i tre punti alla sua squadra, lo aveva probabilmente solo sognato.

L’attaccante dei galletti si è presentato nel post partita visibilmente emozionato e queste sono state le sue prime sensazioni a caldo davanti ai microfoni dei giornalisti: «E’ stata un’emozione unica e sono senza parole. Sul gol, credo sia stata questione d’istinto. Ho visto la palla arrivare lì e mi sono buttato. Era evidentemente destino che segnassi all’esordio e quindi sono soddisfatto. A chi dedico la rete? A tutti, alla famiglia e ai tifosi del Bari».

Il numero #8 biancorosso ha quindi voluto sottolineare l’affetto che l’ambiente e i compagni gli hanno fatto sentire sin da subito: «Da quando sono arrivato e ho messo piede qui, tutti mi hanno accolto alla grande. Questo gol è anche merito loro e di chi mi ha aiutato a realizzarlo. Mi dispiace che mi sia fatto male subito e sia stato costretto a restare 15 giorni fermo. Sono rientrato un paio di giorni fa e ho lavorato a parte con Antenucci. Ora sono pronto».

L’ultima battuta dell’ex Potenza ha riguardato l’altro esordiente di stasera e cioè Massimo Carrera: «Il mister è arrivato solo da dieci giorni. Purtroppo stasera eravamo in pochi e mancavano alcuni elementi importanti per questa squadra. E’ stato però fondamentale portare i tre punti a casa».





About Redazione barinelpallone 3282 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*