Minelli: «Abbiamo dato il massimo, il ritiro ci ha aiutato. Quanta gioia al gol di Bianco! Avere accanto Di Cesare…»

Le dichiarazioni del difensore biancorosso al termine della gara vinta dal Bari 2-0 contro la Paganese



BARI – Nel post gara della sfida tra Bari e Paganese, terminata 2-0 per i pugliesi, questa è stata la prima battuta a caldo di Alessandro Minelli che oggi è rimasto piacevolmente sorpreso di essere stato designato titolare: «E’ stata una cosa inaspettata, anche perché nelle scorse partite il mister aveva fatto altre scelte. Stavolta invece mi ha dato fiducia e spero di avere fatto bene e che lui sia contento della mia prestazione. Certo, si può sempre fare meglio…».

Il difensore lombardo ha quindi commentato la prestazione odierna della squadra e spiegato l’importanza degli ultimi giorni: «Abbiamo dato il massimo e alla fine abbiamo centrato i tre punti. Questo ritiro ci ha aiutato molto anche perché avevamo passato una settimana non bella. Sapevamo che il nostro unico obiettivo di oggi era quello di fare i tre punti e mettere un punto a questo brutto periodo».

Il numero #23 dei galletti ha quindi raccontato come si sia trovato nel modulo difensivo deciso dal mister: «Era da tanti anni che non giocavo in una difesa a quattro. L’ultima volta che mi è capitato è stato quando ho disputato l’ultimo anno nella “Berretti” dell’Inter o quando ero a Pescara. Avere al mio fianco Valerio (Di Cesare n.d.r.) mi ha dato tanta sicurezza. Il capitano ti guida e quindi per me è molto meglio così».

Sulle palle inattive difficilmente si è proposto in area di rigore, ma la spiegazione è lui stesso a fornirla: «Io e Perrotta avevamo intenzione di alternarci. Sul primo angolo sono andato io, ma poi è voluto sempre andare lui. Quando lo ha fatto ha portato infatti bene perché abbiamo fatto gol».

Il 21enne nativo di Monza sembra ormai aver messo alle spalle le disavventure legate al Covid: «Ormai è acqua passata. I mesi brutti li ho fortunatamente passati e adesso mi sento bene. Spero sempre di dare il meglio di me».

In chiusura Minelli ha raccontato i momenti successivi al gol di Bianco, durante i quali il gruppo si è abbracciato al centrocampista senza nascondere l’euforia e la gioia: «Raffaele era contento anche perché ha fatto un bel gol di sinistro. Anche io e i miei compagni siamo stati quindi contenti per lui. Quella gioia è stata anche il frutto di un gesto di liberazione da parte di tutta la squadra. Non vedevamo l’ora di trovarci in quella situazione e ci siamo scatenati».





About Tommaso Di Lernia 571 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*