Non basta il cambio di allenatore, un Bari senza anima perde contro la Turris! Ora è a rischio anche il quarto posto…



Non basta al Bari il cambio di allenatore per dare una svolta a questo finale di campionato e nella penultima giornata del girone C di serie C, i galletti perdono miseramente a Torre del Greco contro la Turris regalando la salvezza ai campani e facendo l’ennesimo passo indietro di una stagione che sta terminando davvero nel peggiore dei modi. Antenucci e compagni offrono l’ennesima prestazione anonima, senza carattere (addirittura imbarazzante nel secondo tempo), a dimostrazione che probabilmente, a prescindere da Auteri, da Carrera, dai moduli e dagli episodi, questa sia una squadra senza anima, incapace di poter recitare un ruolo di primo piano come la piazza meriterebbe ed esigerebbe.

LE FORMAZIONI
Mister Auteri riparte col suo 3-4-3 e in difesa, vista l’indisponibilità di Sarzi, vengono schierati Di Cesare, Sabbione e Perrotta. A centrocampo sono ancora assenti Bianco e Andreoni e quindi, nella zona nevralgica si appostano Maita e De Risio, mentre Semenzato (che vince il ballottaggio con Ciofani, non ancora al meglio) e Rolando agiscono sulle fasce. Al centro dell’attacco gioca Antenucci, affiancato da Marras e D’Ursi, con Citro ancora fermo ai box e Cianci e Mercurio relegati inizialmente in panchina.
Mister Caneo recupera Abagnale che riprende il suo posto in porta. La difesa a quattro è composta dal recuperato Ferretti (che vince il ballottaggio con il rientrante Esempio), Di Nunzio, il recuperato Lorenzini  e Loreto. Nessuna sorpresa a centrocampo dove manca Signorelli: nel cuore del quartetto c’è la riconferma di Franco e Tascone, mentre Da Dalt e D’Ignazio scorrazzano sugli esterni. In attacco non sono disponibili Persano e Ventola, oltre allo squalificato Romano e quindi, la coppia offensiva è composta da Giannone e Longo (preferito a Boiciuc).

LA GARA
L’inizio di gara è piuttosto compassato e per vedere la prima azione pericolosa bisogna aspettare il  9’ quando Semenzato serve D’Ursi che gira dal limite dell’aria, ma la palla s’impenna troppo e termina alta. Nell’azione successiva, Maita pesca Marras con un lungo lancio e l’attaccante deposita in rete con un pallonetto davanti al portiere avversario, ma la sua posizione è irregolare e l’arbitro annulla. Alla prima occasione i padroni di casa però dimostrano molto cinismo e passano in vantaggio. E’ il 20’ quando Da Dalt parte in contropiede ed effettua un cross dalla destra sul quale Semenzato non riesce ad arrivarci, al contrario di D’Ignazio che deposita in rete in scivolata a porta sguarnita firmando l’1-0. I galletti reagiscono con D’Ursi al 26’ che, al termine di una bella azione corale, ci prova lasciando partire un rasoterra bloccato però con sicurezza da Abagnale. Al 37’ i padroni di casa vanno vicini al raddoppio con una punizione dal limite di Giannone che sfiora il palo. Dopo pochi minuti è la volta dei pugliesi: Marras mette al centro per Antenucci, ma la palla è respinta dalla difesa corallina e torna ancora dal numero 10 biancorosso il cui susseguente sinistro è neutralizzato con qualche apprensione dall’estremo difensore della Turris.
Il Bari si ripresenta in campo nel secondo tempo con Cianci al posto di Perrotta con Auteri che decide di arretrare Semenzato e Rolando sulla linea dei difensori e dare più peso in avanti. Nonostante i propositi belligeranti, sono gli uomini di mister Caneo a colpire ancora. Al 6’ Loreto infatti si ritrova sui piedi una ghiottissima occasione all’altezza del dischetto e la sfrutta al meglio piazzandola di forza sotto la traversa senza lasciare scampo a Frattali. Il 2-0 rappresenta un macigno incredibile sulle teste dei galletti. Entrano anche Minelli e Lollo al posto di Semenzato e D’Ursi, ma sono i campani ad andare vicini al terzo gol ancora con Loreto che stavolta grazia il portiere avversario calciandogli la palla addosso. Marras si fa ammonire e, in quanto diffidato, salterà l’ultimo turno del torneo, mentre al 25’ il direttore di gara annulla un gol di testa di Cianci su traversone di Maita per posizione di fuorigioco, prima azione offensiva biancorossa della ripresa. Al 32’un’ingenuità di Minelli per poco non costa il 3-0 alla sua squadra con il tiro da posizione favorevole del nuovo entrato Boiciuc che termina solo in corner. Nel secondo minuto di recupero c’è gloria anche per il nuovo entrato Alma che, servito da Boiciuc,  mette a segno il definitivo 3-0 con un bel sinistro incrociato a mezza altezza sul secondo palo. Un risultato umiliante per i baresi.
Il Bari resta al quarto posto in classifica e certamente partirà dalla prima fase dei play off. Domenica prossima c’è un derby contro il Bisceglie che servirà solo a cercare di conservare anche questa posizione dall’estremo attacco del Catania e della Juve Stabia distanti due punti. Poi sarà tempo di spareggi, con prospettive tutt’altro che rosee.

Tabellino
TURRIS-BARI 3-0
TURRIS (4-4-2): Abagnale; Ferretti (dal 48′ st Brandi), Di Nunzio, Lorenzini, Loreto; Da Dalt, Franco, Tascone (dal 48′ st Esempio), D’Ignazio; Giannone (dal 40′ st Alma), Longo (dal 23′ st Boiciuc). A disposizione: Barone, Pitzalis, Carannante, Fabiano, Primicile, Capuozzo, D’Oriano, Salazaro. Allenatore: B.Caneo.
BARI (3-4-3): Frattali; Di Cesare, Sabbione, Perrotta (dal 1′ st Cianci); Semenzato (dal 16′ st Minelli), Maita, De Risio, Rolando; Marras, Antenucci, D’Ursi (dal 16′ st Lollo). A disposizione: Marfella, Fiory, Celiento, Manè, Ciofani, Dargenio, Mercurio, Candellone. Allenatore: G.Auteri.
ARBITRO: sig. M.Vigile della sez. di Cosenza. Assistenti: S.E.Buonocore della sez. di Marsala e L.Testi della sez. di Livorno.
RETI: al 20′ pt D’Ignazio (T), al 6′ st Loreto (T), al 47′ st Alma (T).
AMMONITI: Loreto, Lorenzini, Di Nunzio e Abagnale (T); Maita, Sabbione, Cianci e Marras (B); ammonito anche mister Caneo per proteste (T).
NOTE: cielo soleggiato, campo sintetico; angoli: 5-4 per la Turris; recuperi: 1′ pt e 4′ st; partita giocata senza spettatori per protocollo anti Covid.





About Tommaso Di Lernia 563 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*