Bari-Fidelis Andria, le pagelle dei biancorossi: D’Errico grande personalità, Sabbione imbarazzante…



BARI – L’allenatore della Fidelis Andria, Panarelli, ha puntato sullo zoccolo duro della squadra l’anno scorso in D ed ha conquistato un inaspettato successo.

Il neo tecnico biancorosso, Mignani, si è affidato alla struttura portante della stagione scorsa ed ha rimediato invece una clamorosa sconfitta che ha sancito l’esclusione dalla Coppa al primo turno, esattamente come era avvenuto dodici mesi fa contro il Bitonto.

Il direttore sportivo Polito ha solo dieci giorni per apportare dei correttivi.

Diamo un voto ai giocatori del Bari scesi in campo contro la Fidelis Andria.

FRATTALI
6semaforo_verde
  Una sola incertezza quando, all’inizio della ripresa, si è fatto anticipare di testa da Bubas. Nel finale, con 2 interventi miracolosi ha tenute vive le speranze del pareggio. AFFIDABILE
BELLI
5,5semaforo_rosso
  Si è dato molto da fare, difendendo e spingendo i avanti, ma non sempre è stato lucido. INTRAPRENDENTE
SABBIONE
4,5semaforo_rosso
  Tanti errori nei disimpegni difensivi e nei passaggi ai compagni. Inutile il fallo in area su Bubas che ha provocato il rigore decisivo. IMBARAZZANTE
DI CESARE
6semaforo_verde
  Il capitano rappresenta ancora un garanzia. Ha sbrogliato un paio di situazioni difficili e si é reso pericoloso sui calci piazzati in area ospite. EFFICACE
MAZZOTTA
6semaforo_verde
  Ha coperto la propria fascia e ha partecipato spesso alla manovra offensiva. CONVINCENTE
MAITA
5,5semaforo_rosso
  Non è ancora al livello della stagione passata, ma resta uno dei punti cardine a centrocampo. Ha colpito il palo con una cannonata da 25 metri. SFORTUNATO
BIANCO
5semaforo_rosso
  Non ra ggiunto la sufficienza, confermando i limiti evidenziati l’anno scorso in fase di impostazione. ANONIMO
D’ERRICO
6,5semaforo_verde
  E’ stato senza dubbio il migliore dei biancorossi, capace di trascinare la squadra. Salta con facilità l’uomo e le sue percussioni hanno messo in crisi gli avversari. GRANDE PERSONALITA’
MARRAS
S.V.semaforo_giallo
  E’ subentrato a D’Errico quando gli è finita la benzina. Non era certo l’ccasione migliore per mettersi in evidenza in un ruolo che non gli si addice.  
SCAVONE
5,5semaforo_rosso
  Ha giocato oltre un’ora nella posizione di trequartista dietro le due punte ma non ha convinto. FUORI RUOLO
BOTTA
6semaforo_verde
  E’ arrivato da pochi giorni e la sua autonomia è particolarmente ridotta, ma ha lasciato intravedere spunti di ottima qualità tecnica. ILLUMINANTE
ANTENUCCI
5,5semaforo_rosso
  Ha tirato in porta almeno 6 volte da ogni posizione, ma le sue conclusioni sono state sempre deboli o fuori misura. POCA ENERGIA
SIMERI
5semaforo_rosso
  A differenza del compagno di reparto, non ha mai calciato verso il portiere avversario. Da lui era lecito aspettarsi un rendimento molto superiore. DELUDENTE
CHEDDIRA
6semaforo_verde
  E’ stato in campo meno di mezzora e si è pocurato almeno 2 palle gol, annullata dal palo la prima e sventata dal portiere la seconda. AGGIUNGE PESO IN AVANTI
Allenatore: M.MIGNANI
5,5semaforo_rosso
  Alla vigilia della gara aveva dichiarato di pretendere la qualificazione, ma la squadra non lo ha esaudito. Non convincono alcune scelte di giocatori che per tutta la stagione passata non si erano dimostrati all’altezza di una formazione che punta alla promozione. Forse sono stati effettuati in ritardo anche i cambi, peraltro pochi a causa delle non perfette condizioni fisiche di numerosi elementi. Solo sprazzi di buon gioco ma é anche vero che la fortuna ha clamorosamente voltato le spalle ai biancorossi. ATTESE DELUSE
Arbitro: Sig. Di Marco
6semaforo_verde
  L’arbitro di Ciampino non ha commesso errori. Inizialmente ha tollerato il gioco duro dei giocatori ospiti e in apertura di ripresa ha calmato gli animi con 2 cartellini gialli in 1 minuto. Complessivamente leamminizioni sono state 5. PUNTUALE





About Peppino Accettura 371 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*