UFFICIALE: Bari, dalla Cremonese arriva Terranova. Il difensore passa in biancorosso a titolo temporaneo…



Subito dopo l’annuncio del passaggio di Hamlili al Monopoli, la SSC Bari ha comunicato di aver acquisito a titolo temporaneo, con obbligo di riscatto in caso di promozione, i diritti alle prestazioni sportive del calciatore Emanuele Terranova.

Il difensore di Mazara del Vallo ha firmato un contratto fino al giugno 2023 e sarà da subito disposizione di mister Mignani.

Ecco come il club descrive la carriera del nuovo galletto: “Cresciuto nelle formazioni giovanili di Mazara e dintorni, conquista il campionato di Eccellenza con il Campobello a 17 anni attirando le attenzioni del Palermo che lo chiama nella formazione Primavera. Viene dunque mandato in prestito al Vicenza e fa il suo esordio tra i professionisti, collezionando 20 presenze, nella stagione ’07-’08. L’anno dopo, in prestito a Livorno, centra la promozione in Serie A mettendo assieme 18 presenze con i labronici. Ancora un prestito la stagione successiva, a Lecce, ma stesso risultato finale e massima serie conquistata mettendo a referto 27 presenze. Ceduto definitivamente al Sassuolo, prima sfiora l’impresa, uscendo nella semifinale playoff con emiliani, poi, nel ’12-13, centra la terza promozione in A con i neroverdi, da capitano, guadagnandosi il premio di miglior difensore cadetto, anche grazie alle 11 reti messe a segno in 37 presenze. Rimane in Emilia fino al gennaio 2017 (22 presenze in Serie A al netto di due gravi infortuni al ginocchio). Dopo aver giocato 35 partite (3 gol) nel 2010-2011, torna Frosinone nel mercato invernale della stagione ’16-’17, rendendosi nuovamente protagonista per la promozione in A dei frusinati, la quarta personale, prima del passaggio alla Cremonese“.





About Redazione barinelpallone 3354 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*