Calabro (all. Catanzaro): «Contento della prestazione. Il Bari? Nonostante la vittoria, non so se si porti a casa anche la convinzione di essere la più forte…»



BARI – Nel post gara della sfida tra Bari e Catanzaro, terminata 2-1 per i pugliesi, questa è stata l’analisi a caldo di un Antonio Calabro certamente deluso per il risultato, ma contento della prova dei suoi uomini: «Faccio i complimenti alla mia squadra. Anche se ce ne torniamo a casa con zero punti lo facciamo con la grossa convinzione di essere, se non migliori del Bari, ma almeno alla sua altezza. Abbiamo fatto una prestazione importante e abbiamo avuto tante occasioni oltre ad aver creato delle situazioni favorevoli che avremmo potuto sfruttare in maniera diversa. Il Bari invece, nonostante la vittoria, non so se si porti a casa anche la convinzione di essere la più forte del torneo».

L’allenatore del Catanzaro ha poi spiegato il perché della sconfitta: «Oggi abbiamo sbagliato più del Bari. Noi allenatori non ci possiamo però soffermare soltanto su questo perché altrimenti sarebbe troppo semplice dire di aver perso o vinto per un motivo particolare. E’ ovvio che determinati errori possono determinare un risultato, ma io non posso dire nulla a Fazio (autore dell’errore che ha propiziato il 2-1 di Simeri n.d.r.) che fino a oggi, come l’anno scorso, è stato determinante per noi. Dopo la sconfitta ci può stare che la squadra abbia il morale sotto i tacchi, ma è come giusto che ci sia una convinzione diversa».

Il 45enne di Galatina non è però arrabbiato, se non sotto alcuni punti di vista: «Mi ha fatto arrabbiare solo l’aver dovuto cambiare un giocatore che si era ristabilito talmente e che dopo un quarto d’ora mi ha chiesto la sostituzione. Nella ripresa sono stato costretto a prendere atto di un infortunio muscolare. Tutto questo vuol dire che ci sia qualcosa che non quadra. Queste sono però variabili da mettere in conto e che ci ha portato poi a giocare gli ultimi 20 minuti sempre con gli stessi giocatori. Qualcuno non ce la faceva più, ma io non potevo sostituirli avendo finito le finestre a disposizione. Nonostante tutt,o la prestazione mi è piaciuta».

Il tecnico salentino dei giallorossi calabresi ha concluso con un parere sul torneo e sul direttore di gara: «Quando nel campionato di Serie C c’è il Bari, con i suoi ingenti investimenti, è inutile nascondersi e bisogna dire che i biancorossi possono fare un torneo a sé. Penso però che quest’anno il campionato sia molto livellato. Anche quando vai a giocare contro le ultime in classifica, può capitare di affrontare un pubblico e dei campi di un certo tipo. In sostanza, si può perdere ovunque. L’arbitro? E’ mia abitudine non commentare le decisioni del direttore di gara».





About Tommaso Di Lernia 612 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*