Avellino-Bari 1-1, le pagelle dei biancorossi: Antenucci leader, Maita sottotono…



Se non riesci a vincere una partita, devi puntare almeno a non perderla. E’ questa la filosofia del mister biancorosso Mignani che in tre mesi e mezzo ha portato il Bari a dominare questa prima parte della stagione.

In silenzio, senza proclami, la squadra ha preso la testa della classifica sin dalle prime giornate ed ora vanta un netto vantaggio sugli inseguitori: 5 punti su lPalermo, 7 sul Monopoli, 8 sulla Turris e 9 su Avellino e Catanzaro.

E’ un rendimento che non si poteva prevedere a fine agosto quando é stata costruita la squadra.

Diamo un voto ai giocatori del Bari scesi in campo contro l’Avellino.

FRATTALI
7semaforo_verde
  Ancora una volta il portiere è stato tra i migliori in campo. Ha compiuto infatti 2 prodezze sui tiri di D’Angelo e Kanoute. PORTA IN BUONE MANI
PUCINO
6semaforo_verde
  Ha badato essenzialmente a coprire la sua fascia dalle continue proiezioni dei biancoverdi e ha superato ogni difficoltà. FERMA LE INCURSIONI
BELLI
S.V.semaforo_giallo
  Ha sostituito Pucino negli ultimi minuti di gioco e nel recupero per dare maggiore freschezza alla difesa.  
CELIENTO
6,5semaforo_verde
  Dopo qualche incertezza iniziale a causa della partenza di gran carriera dei campani, ha trovato le giuste misure per bloccare gli avversari. CONCEDE POCO
TERRANOVA
6,5semaforo_verde
  Il suo duello con Maniero è stato uno dei motivi principali della gara: l’ex biancorosso in definitiva è rimasto a secco. TANTA INTENSITA’
MAZZOTTA
7semaforo_verde
  Si è messo in evidenza non solo come difensore puro ma ha partecipato spesso alla manovra offensiva arrivando fino all’area di rigore campana. RADDOPPI PREZIOSI
MALLAMO
7semaforo_verde
  Ha sostituito lo squalificato Scavone e non lo ha fatto rimpiangere. Molto utile in fase di contenimento ed efficace nelle proiezioni in verticale, una delle quali ha procurato il rigore. DA APPLAUSI
MAITA
6semaforo_verde
  Non è stata una prestazione all’altezza della sua capacità. Ha sofferto il pressing furioso degli avversari ed ha commesso qualche errore di troppo nell’impostazione. Gli è sfuggito Kanoute in occasione del pareggio. SOTTOTONO
D’ERRICO
6,5semaforo_verde
  Sta ritrovando lentamente la forma migliore. La sua presenza intanto conferisce peso al centrocampo biancorosso. IN CRESCITA
BOTTA
7semaforo_verde
  E’ stato il bersaglio dei campani che sin dai primi secondi di gioco hanno tentato con i falli di spegnere la sua vivacità. Ai tocchi di classe ha associato un buon lavoro per la riconquista della palla. GRANDE TALENTO
CHEDDIRA
S.V.semaforo_giallo
  E’ subentrato a Botta poco prima del recupero finale nella speranza di sfruttare la sua velocità nelle ripartenze biancorosse.  
ANTENUCCI
7semaforo_verde
  E’ in ottima forma, corre tanto e fornisce assist decisivi, come il lancio in profondità per Mallamo, atterrato in area. Sul rigore è tornato implacabile. LEADER
PAPONI
6,5semaforo_verde
  Non ha trovato spazio nella retroguardia di casa, ma si è impegnato in una lotta continua per conquistare palloni e frenare le ripartenze. CAPARBIO
BIANCO
6,5semaforo_verde
  Mignani ha tolto un attaccante per far posto a lui, con l’obbiettivo di contrapporre agli avversari un centrocampo più coriaceo e manovriero. CONCRETO
Allenatore: M.MIGNANI
6,5semaforo_verde
  Come era facile immaginare, visti i precedenti, l’Avellino ha giocato con una carica agonistica che non ha sempre mostrato in altre gare interne. Il merito del tecnico biancorosso è stato quello di tirar fuori cattiveria e carattere dai suoi giocatori per reagire alle folate continue ma disordinate degli avversari. E’ un chiaro segno di personalità, qualità necessaria per primeggiare in classifica.Razionali i cambi effettuati. PUO’ ESSERE SODDISFATTO
Arbitro: Sig. P.BITONTI
6semaforo_verde
  L’arbitro bolognese si è trovato a dirigere una partita contraddistinta da tanto agonismo e tanto nervosismo in campo: in più occasioni si è sfiorata la rissa e Bitonti è stato costretto a intervenire con decisione.Nel primo tempo ha ammonito 4 giocatori biancoverdi e l’allenatore, contro due cartellini gialli mostrati ai biancorossi, nella ripresa ha talvolta sorvolato sull’atteggiamento da picchiatori dei giocatori campani.Tante sono pure le perplessità sulla regolarità della posizione di Kanoute in occasione del pareggio. Comunque non ha perso il controllo. TIENE IN PUGNO LA GARA





About Peppino Accettura 443 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*