Il Bari batte il Taranto e si laurea campione d’inverno. Pucino, Botta e Antenucci colorano di biancorosso il derby contro gli jonici…



BARI – Nella diciottesima giornata del girone C del campionato di Serie C, il Bari si aggiudica il derby contro il Taranto, vincendo per 3-1 e assicurandosi il primato in classifica del girone d’andata. Dopo la bella prestazione di Avellino, i galletti si confermano contro i cugini rossoblù e sfoderano ancora una prova convincente, impreziosita dagli acuti di Pucino, Botta e Antenucci. Premesse assolutamente positive in vista dello scontro diretto contro il Palermo di domenica prossima.

LE FORMAZIONI
Mister Mignani deve fare ancora a meno in difesa di Di Cesare e sceglie di confermare il pacchetto arretrato degli ultimi tempi, costituito dai terzini Pucino e Mazzotta (preferiti rispettivamente a Belli e Ricci) e dai centrali Celiento e Terranova. Maita ricopre il ruolo di play a centrocampo, mentre Mallamo e D’Errico presidiano le corsie laterali. Botta agisce sulla trequarti, a sostegno della coppia offensiva costituita ancora una volta da Paponi ed Antenucci, vista anche la defezione di Marras a causa di un problema al ginocchio.
Mister Laterza propone la difesa a 4 composta dai centrali Benassai e Granata, affiancati da Zullo e De Maria. Il fulcro del centrocampo è occupato da Marsili, con Labriola e Civilleri ad agire in posizione più decentrata, mentre Saraniti è il terminale offensivo, supportato da Mastromarco (preferito a Pacilli) e Giovinco.

Il gol dell’1-0 di Pucino su punizione

LA GARA
Primo tempo
– Il Bari fa immediatamente capire, sin dalle prime battute, di voler subito dettare legge e al 5’ va vicino al gol con Celiento che alza troppo la mira di piatto sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il vantaggio giunge però, preciso come un orologio svizzero, al 14’ e a materializzarlo è Pucino con una punizione precisissima che si infila alla sinistra di Chiorra. Il Taranto accusa il colpo e non riesce a organizzare una reazione degna di nota. Sono invece i padroni di casa ad insistere ancora con Pucino su calcio piazzato, sul quale il portiere ionico stavolta ci mette una pezza deviando in corner. Al 43’ i galletti affondano nuovamente il colpo ed è stavolta Botta a metterla nel sacco con una conclusione di sinistro dal limite che beffa nuovamente l’estremo difensore ospite, anche grazie ad una leggera deviazione.
Secondo tempo – In apertura di ripresa è Marsili a provarci per ben due volte direttamente dalla bandierina, ma Frattali in entrambe le occasioni non si fa trovare impreparato salvando la propria porta. All’11’ i biancorossi si distendono in avanti, uscendo dalla morsa dei rossoblù, e il forte tiro di D’Errico si spegne sul fondo. Il tris è solo rimandato di qualche minuto: è il quarto d’ora quando Antenucci prende la mira e con un diagonale rasoterra angolatissimo, scagliato da dentro l’area, firma il 3-0. Mignani decide di mandare in campo Cheddira e Di Gennaro al posto di Paponi e Botta, ma è il Taranto a colpire al 28’. Celiento interviene in area fallosamente su Giovinco e per l’arbitro ci sono gli estremi del rigore: Frattali riesce a intuire miracolosamente sul tiro dal dischetto di Saraniti, ma sulla ribattuta è lesto Giovinco e ribadire in rete a due passi dalla porta centrando il palo opposto. I padroni di casa non si fanno intimorire e cercano il  poker con Maita che, dal limite dell’area, impegna Chiorra che è costretto alla deviazione in corner sul destro teso del centrocampista avversario. Il Bari blinda il centrocampo con l’innesto di Scavone e Bianco al posto di Mallamo e Maita e al 39’ è Cheddira ad impegnare a terra il portiere tarantino. Gigliotti rileva D’Errico, ma neanche i 5 minuti di recupero riescono a riscrivere l’esito del derby. Il Bari vince e si laurea campione d’inverno. Ora sotto col Palermo e poi sarà tempo di primi bilanci. Certamente positivi…

Tabellino
BARI-TARANTO 3-1
BARI (4-3-1-2): Frattali; Pucino, Celiento, Terranova, Mazzotta; Mallamo (dal 34′ st Scavone), Maita (dal 34′ st Bianco), D’Errico (dal 45′ st Gigliotti); Botta (dal 24′ st Di Gennaro); Paponi (dal 24′ st Cheddira), Antenucci. A disposizione: Polverino, Belli, Ricci, De Risio, Lollo, Citro, Simeri. Allenatore: M.Mignani.
TARANTO (4-3-3): Chiorra; Zullo, Benassai, Granata, De Maria (dal 20′ st Versienti); Labriola (dal 20′ st Bellocq), Marsili, Civilleri (dal 32′ st Santarpia); Mastromonaco, Saraniti, Giovinco (dal 43′ st Pacilli). A disposizione: Antonino, Zecchino, Tomassini, Falcone, Cannavaro, Italeng. Allenatore: G.Laterza.
ARBITRO: sig. V.Maranesi della sez. di Ciampino. Assistenti: A.Cavallina della sez. di Parma e G.Basile della sez. di Chieti.
RETI: al 14′ pt Pucino (B), al 43′ pt Botta (B), al 15′ st Antenucci (B), al 28′ st Giovinco (T).
AMMONITI: Celiento (B); Giovinco, Granata, Marsili e Pacilli (T).
NOTE: cielo nuvoloso, terreno in buone condizioni; angoli: 5-4 per il Bari; recuperi: 1′ pt e 5′ st; spettatori: 11.024.





About Tommaso Di Lernia 625 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*