LA PRESENTAZIONE DELLA GARA, ARBITRO E PRECEDENTI – Contro il Palermo vittoria d’obbligo per il Bari, ma attenti a Brunori…



Share

Dopo il sorprendente pareggio di Parma, il Bari si prepara all’esordio di fronte al proprio pubblico contro un avversario sicuramente alla sua portata. Il Palermo è un’altra matricola ma comunque non va sottovalutato, considerato che possiede un attaccante che, dopo alcune annate dal rendimento incostante, è balzato alla ribalta a suon di gol. Brunori, nato in Brasile ma cresciuto in Italia a casa dei nonni, nella stagione passata ha realizzato 25 reti in campionato e 3 nei playoff e quest’anno è andato in gol già 4 volte nei 2 incontri di Coppa Italia e nella prima gara del torneo cadetto.

L’italo-brasiliano rappresenta dunque un pericolo per la difesa biancorossa che ha mostrato finora di essere il reparto più debole della squadra. In attesa dei rinforzi, potrebbe esordire Vicari, recuperato dopo l’infortunio. In avanti, Antenucci e compagni devono confermare la qualità del gioco espresso nella metà campo avversaria, sorretti da un centrocampo solido e razionale.

Il Palermo è passato da alcune settimane di proprietà del City Manchester Group, la holding  dello sceicco Mansour. L’allenatore della promozione, Baldini, ha lasciato la squadra prima dell’esordio in Coppa Italia. Lo ha sostituito Eugenio Corini che, saggiamente, non ha modificato l’assetto tattico nelle due gare dirette dalla panchina: 4 difensori, 2 centrocampisti e 3 attaccanti alle spalle di Brunori. E’uno schieramento che appare un po’ sbilanciato in avanti ma comunque ha fruttato già la vittoria sul Perugia, che però ha giocato 70 minuti in inferiorità numerica.

Le vicende più recenti della società rosanero sono state molto simili a quelle del Bari. Alla fine del campionato 2018/19 la squadra siciliana fu dapprima esclusa dai playoff a causa della penalizzazione di 20 punti decisa per irregolarità amministrative commesse dal 2014 al 2017 ma poco dopo, a luglio, fu addirittura estromessa dalla serie B per inadempienze finanziarie. Tre mesi dopo, a ottobre, il Palermo fu dichiarato fallito e una nuova società, appositamente costituita, ripartì dalla serie D. Nella quarta serie, comunque, i siciliani restarono una sola stagione, conquistando la promozione in C per essere  al comando della classifica al momento della sospensione del campionato a causa del Covid. L’anno passato, con Baldini in panchina, il Palermo si classificò al 3° posto con 66 punti all’attivo (-11 dal Bari), 64 reti realizzate e 33 subìte. Migliori cannonieri della squadra furono l’italo-brasiliano Brunori Sandri, (25 gol con 4 rigori), acquistato dalla Juve dopo un anno di prestito, l’attaccante Soleri, ex del Monopoli e riscattato poi a giugno dal Padova (10 reti con 1 rigore), il centrocampista Valente (7) e l’ex biancorosso Floriano (5 con 1 rigore).

Le due squadre si sono incontrate in Puglia 35 volte, 34 a Bari e 1 a Taranto in campo neutro nel 1974 (finì 0-0). Il risultato nelle gare 34 partite interne è nettamente favorevole ai biancorossi, con 20 vittorie, 8 pareggi e solo 6 sconfitte, 45 reti segnate e 27 subìte. La storia degli incontri è molto antica, quasi centenaria. La prima gara, infatti, si giocò oltre 91 anni fa, precisamente il 15 marzo 1931, al campo San Lorenzo, in serie B, e si concluse con il successo dei biancorossi per 2-1. Proprio in serie B sono state giocate in grande maggioranza le partite, ben 20 (13 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte per il Bari), mentre in serie A gli incontri sono stati 8 (5 successi, 2 pari e 1 sconfitta). Le ultime due gare sono state giocate in serie C, entrambe nel mese di aprile: nel 2021 si concluse 2-2, con il Bari che rimontò il doppio svantaggio nell’ultimo quarto d’ora, e 4 mesi fa finì 0-2, con i biancorossi già promossi in serie B da 2 settimane. Un fatto curioso è che, delle 7 partite giocate al  “San Nicola” negli ultimi 20 anni, il Bari ne ha vinte solo 2, l’ultima il 24 settembre 2013 (giocò Galano!).

La gara sarà diretta dal sig. Giacomo Camplone, iscritto alla sezione di Pescara. Insegnante di educazione fisica, laureato in scienze e tecniche delle attività motorie, ha iniziato la carriera nel 2005 ed è uno degli arbitri più giovani: compirà infatti 33 anni martedì prossimo 23 agosto. Ha esordito in serie A a marzo del 2021 e in serie B ha arbitrato 39 partite, con 139 ammonizioni, 4 espulsioni per doppio cartellino giallo e 4 per rosso diretto, e con soltanto 7 rigori concessi. Nella stagione passata è stato designato12 volte per il torneo cadetto, facendo registrare 3 successi in casa, 3 pareggi e addirittura 6 vittorie per le squadre impegnate in trasferta. E’ stato decisamente avaro per quanto riguarda i rigori, avendone concesso soltanto 2. Non ha precedenti con Bari e Palermo

La terna è completata dagli assistenti Mauro Vivenzi della sezione di Brescia e Sergio Ranghetti della sezione di Chiari (Brescia); quarto ufficiale è Simone Galipò, iscritto alla sezione di Firenze, mentre sono stati designati al VAR Daniele Chiffi, della sezione di Padova, e quale AVAR Domenico Rocca, della sezione di Catanzaro. L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da SKY Sport Uno e DAZN e in radiocronaca diretta da RADIOBARI (88,8/88,9 Mhz in FM). Il fischio d’inizio allo stadio  “San Nicola” è fissato alle ore 20.45.





About Peppino Accettura 454 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*