Il Bari affonda il Venezia in laguna! Antenucci e Cheddira regalano ai galletti la quinta vittoria…



Share

Nell’ottava giornata del campionato di serie B, il Bari vince anche a Venezia e consolida il primi posto in classifica grazie ad un 2-1 meritato, propiziato dalle reti di Antenucci e del solito Cheddira su rigore. Il successo in laguna ha un valore anche superiore a quello largo, ottenuto in casa contro il Brescia, perché dà continuità di risultati e maggiore convinzione nei propri mezzi nella comitiva biancorossa.  I galletti giocano a memoria, magistralmente orchestrati da mister Mignani, e continuano a macinare gioco e punti. Al momento non si può pretendere una virgola di più…

FORMAZIONI
Mister Mignani conferma Caprile in porta e impiega il rientrante Pucino a destra della difesa, con Ricci sul versante opposto e la coppia composta da Di Cesare e Vicari al centro della difesa. Il centrocampo è quello solito, composto da Maiello in cabina di regia, supportato da Maita e da Folorunsho, mentre Bellomo è chiamato ancora a fare da suggeritore alla coppia d’attacco composta da Antenucci e Cheddira.
Mister Javoric schiera i suoi con un 3-5-2 nel quale Wisniewski, Modolo e Ceccaroni sono i centrali difensivi. Busio è la mente di centrocampo, affiancato da Andersen e Cuisance, mentre sulle fasce agiscono Zampano e Haps. Il duo offensivo è composto da Novakovic e Pohjanpalo.

LA GARA
Primo tempo
– In avvio di gara il Bari si fa subito vivo con una conclusione dal limite di Maiello che, servito da Maita, alza troppo la mira. I padroni di casa cercano di sfondare sulle fasce, ma i pugliesi si difendono con ordine e all’11’ Cheddira ci prova di destro senza però impensierire il portiere avversario. Al quarto d’ora il sinistro di Ricci dalla distanza sibila accanto al palo e un minuto più tardi è Cheddira a mettere scompiglio sulla destra e a crossare al centro, ma una leggera deviazione della palla disorienta Folorunsho che non riesce a fare centro di testa. Gli arancioneroverdi provano ad uscire dal guscio: Cuisance suggerisce, Pohjanpalo non è pronto ad approfittare del passaggio filtrante al 28′. Al 37′ Andersen manda alto una punizione dalla sinistra, ma il tempo si chiude con un tiro non pericoloso di Folorunsho.
Secondo tempo – Nella ripresa il match si infiamma. Al 1′ i galletti colpiscono: Cheddira effettua un cross dalla destra e Antenucci si fa trovare pronto alla deviazione vincente davanti a Joronen. Al 7′ i biancorossi vanno vicini al raddoppio con un bolide di Cheddira che l’estremo difensore veneto devia in corner con qualche difficoltà. Harps manda sul fondo e al 18′ il bari si fa vedere nuovamente con Cheddira, ma il suo tentativo è deviato fortuitamente da Folorunsho e tutto sfuma. Al 25′ il Venezia riesce a ristabilire la parità grazie ad un colpo di testa di Ceccaroni e Mignani pensa bene di dare nuova linfa alla sua squadra inserendo D’Errico e Salcedo al posto di Bellomo e Antenucci. Poco dopo entra anche  Benedetti al posto di Maita e al 32′ la svolta. Salcedo tira fuori dal cilindro un lancio millimetrico per Cheddira che entra in area e supera Joronen: il portiere può solo stenderlo e perl’arbitro ci sono gli estremi per il rigore. Dal dischetto è lo stesso Cheddira a trasformare in maniera impeccabile. Terranova e Mazzotta rilevano Cheddira e Ricci e proprio durante il recupero per poco i padroni di casa non riacciuffano ancora il pareggio con un tentativo del nuovo entrato Pierini che trova la grande risposta di Caprile, abile ad alzare in angolo. L’ultima mischia in area non basta a far cambiare il risultato: il Bari vince 2-1 e si conferma ancora primo in classifica.

Tabellino
VENEZIA-BARI 1-2
VENEZIA
(3-5-2): Joronen; Wisniewski, Modolo, Ceccaroni; Zampano (dal 39′ st Pierini), Andersen (dal 9′ st Tessmann) Busio (dal 29′ st Fiordilino), Cuisance (dal 39′ st Johnsen), Haps; Novakovic (dal 9′ st Cherychev), Pohjanpalo. A disposizione: Oliveira, Devries,Ceppitelli, Candela, Svoboda, Zabala, Harvey. Allenatore: I.Javoric.
BARI (4-3-1-2): Caprile; Pucino, Di Cesare, Vicari, Ricci (dal 44′ st Ricci); Maita (dal 32′ st Benedetti), Maiello, Folorunsho; Bellomo (dal 26′ st D’Errico); Cheddira (dal 44′ st Terranova), Antenucci (dal 26′ st Salcedo). A disposizione: Frattali, Botta, Zuzek, Scheidler, Ceter, Dorval, Mallamo. Allenatore: M.Mignani.
ARBITRO: sig. A.Giua della sez. di Olbia; assistenti: sig. S.Del Giovane della sez. di Albano Laziale e sig. C.Rossi della sez. di La Spezia.
RETI: al 1′ st Antenucci (B), al 25′ st Ceccaroni (V), al 38′ st rig. Cheddira (B).
AMMONITI: Haps e Joronen (V); Antenucci, Di Cesare e Pucino (B).
NOTE: cielo sereno, terreno in ottime condizioni; spettatori: 6.473 (di cui 958 abbonati e 1.585 tifosi ospiti); angoli: 9-8 per il Venezia; recuperi: 1’pt, 4’st.





About Tommaso Di Lernia 667 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*