Genchi, il gol dell’ex: “Ho fatto solo il mio dovere! Penso al Monopoli, ma orgoglioso di aver giocato per il Taranto…”

Le parole in sala stampa del match winner dello ‘Iacovone’ per i biancoverdi



Giuseppe Genchi del MonopoliTARANTO – Come nel più beffardo dei destini (per il Taranto) o la più sorprendente delle coincidenze (per il Monopoli). La sfida dello Iacovone è stata infatti decisa da Giuseppe Genchi, non un giocatore qualunque: anni passati a rendere felici i supporters rossoblù, ma un attimo è bastato per relegarli all’ultimo posto in classifica. Per la gioia allo stesso tempo del gabbiano, certamente, ma l’essere professionisti non può prescindere dal passato. “Il gol? Ho fatto solo il mio dovere. Dovevo pensare a fare il bene per la squadra in cui gioco adesso – spiega – il Monopoli. Non ho sentito nei miei confronti solo fischi, ma anche qualche applauso. Il gol? Non pensi a nulla in questi casi, ti si annulla un po’ tutto ma il rispetto viene prima di ogni altra cosa. Ed io per il Taranto ne ho. Perché sono stato orgoglioso di aver indossato ed onorato quei colori”.
Spazio poi all’analisi della sua partita e di quella della formazione agli ordini di Zanin: “Nel primo tempo eravamo forse un po’ più contratti, ma abbiamo creato molto di più del Taranto. Nella ripresa, invece, ritengo sia stato normale allungarsi e stancarsi di più. Quanto al gol, sto bene fisicamente e mi interessava molto la prestazione. Poi è chiaro che alla fine segnare rappresenta sempre la gratificazione più bella per un attaccante”.
Il numero 9 biancoverde ritorna poi sul suo addio al Taranto in estate: “La curva forse dovrebbe sapere tante cose, la verità non è quella che circola a Taranto. Io non sono mai voluto andare via di qua, sono andato al Monopoli solo dopo una volta di essere stato certo di non rientrare più nei piani dei rossoblù”.
Cosa è mancato agli ionici e quali sono state le principali differenze col gabbiano? “Il mio Monopoli – spiega – è sceso in campo compatto e dimostrando di essere squadra, cosa che forse è mancata al Taranto. In riva allo Ionio non è facile giocare, capita di essere fischiati per dei passaggi sbagliati. I rossoblù hanno bisogno di una vittoria per risalire. Mi spiace per questa situazione di classifica, non sono situazioni belle e facili”.






About Domenico Brandonisio 2279 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*