Venezia, Bentivoglio: “Abbiamo saputo soffrire. Mi fa piacere essere il primo marcatore della stagione…”

Le parole dell'ex mediano del Bari dopo la partita del San Nicola vinta dal Venezia



Simone Bentivoglio
Simone Bentivoglio

BARI – Dopo la sua partenza da Bari, Simone Bentivoglio aveva già dato un dispiacere alla sua ex squadra segnando contro i galletti nell’aprile dell’anno scorso con la maglia del Modena. Il centrocampista ha oggi bissato quella prodezza che, al contrario della scorsa volta, ha spianato la strada per la vittoria del suo Venezia. Durante la conferenza stampa post gara, il 32enne arancioverde ha spiegato le sue emozioni: «Sono contento soprattutto per la vittoria, abbiamo saputo soffrire contro un Bari che ha giocato una buona gara sotto il profilo del possesso palla. Noi, eravamo consci delle qualità e della forza dei galletti – ha spiegato – e sapevamo inoltre che avremmo dovuto chiuderci bene e sfruttare le ripartenze, lasciando così pochi spazi al Bari impedendo quindi agli esterni di completare le triangolazioni nella nostra metà campo. Siamo stati abili a colpire nei momenti giusti e a impostare la partita su un assetto difensivo».


In merito alla rete realizzata dagli undici metri, il mediano (che con la maglia del Bari ha disputato 16 gare condite da 2 goal) ha affermato: «Mi fa piacere essere il primo marcatore della stagione, la rete ci mancava molto nonostante nelle ultime due gare avessimo avuto molte occasioni per segnare. Oggi sono contento soprattutto per la squadra. Dove può arrivare il Venezia? Noi dobbiamo guardare partita dopo partita e cercare di mantenere lo spirito di gruppo e l’atteggiamento proposto oggi. La solidità difensiva? E’ una nostra grande prerogativa e dobbiamo lavorare molto per consolidare questo aspetto».





About Redazione barinelpallone 2749 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*