LA PRESENTAZIONE DELLA GARA – Per il Bari obbligo di 9 punti da ottenere fino a Natale…



Per il Bari c’è un solo obbligo: vincere le 3 partite che restano da giocare nei prossimi 8 giorni, fino a mercoledì 23 dicembre, prima della sosta natalizia. La richiesta è venuta direttamente dal presidente Luigi De Laurentiis e gli avversari, tutto sommato, appaiono alla portata dei biancorossi, a cominciare dalla Vibonese per proseguire con l’Avellino e concludere con il Palermo.

D’altra parte, conquistare i 9 punti appare l’unica possibilità che la  squadra di Auteri ha di ridurre sensibilmente l’attuale svantaggio di 7 punti nei confronti della capolista che giocherà solo 2 partite e riposerà nel giorno dell’antivigilia di Natale. 

Contro i calabresi si presenta un Bari decisamente diverso da quello dei primi mesi di campionato:  quella squadra era caratterizzata da un gioco molto offensivo, quindi un po’ sbilanciata in avanti, con il risultato di segnare tanti gol ma di incassarne pure parecchi. Fino alla sconfitta con la Ternana, i biancorossi avevano ottenuto 20 punti in 10 partite, con 6 vittorie, 2 pareggi e altrettante sconfitte, 21 reti all’attivo e 11 al passivo.

Nelle ultime 3 gare, invece, il ruolino di marcia è stato il seguente: 9 punti per 3 successi, senza pareggi e sconfitte, 4 gol segnati e nessuno subìto. Sarà stata una coincidenza, ma in questo periodo si è inserito stabilmente nell’assetto del centrocampo De Risio, che ha ricomposto con Maita la coppia del Catanzaro. 

Contro i rossoblu di Vibo Valentia si chiedono al Bari l’intensità e la continuità mostrate nelle ultime settimane, ma l’avversario non va sottovalutato, considerato che quindici giorni fa ha messo in difficoltà la capolista: i rossoverdi erano in svantaggio sino a 8 minuti dalla fine e solo in extremis hanno ribaltato il risultato. La squadra guidata in panchina da Angelo Galfano è composta da tanti giovani, ha la sua forza nel gruppo ed è reduce da 2 ottimi risultati in trasferta, la vittoria a Caserta (2-0) e il pareggio a Teramo (2-2).

I calabresi sono a centro classifica, in zona playoff, e in fatto di gol realizzati (19) sono inferiori solo a Ternana e Bari. Il cannoniere è Plescia (6 reti), seguito dal sanmarinese Bernardi, dal marocchino Laaribi e dall’ex Statella, autori di 2 marcature a testa. Con 1 solo gol all’attivo sono in 7, Ambro, Mattei, Parigi, Pugliese, Redolfi, Spina e Tumbarello.

I precedenti tra biancorossi e rossoblu sono limitati a 1 sola partita (2-2), il 3 novembre 2019, sempre al “San Nicola”. Il Bari aveva iniziato male in casa la stagione, perdendo all’esordio contro la Viterbese e pareggiando i due successivi incontri con la Reggina e il Monopoli. Nel mese di ottobre, la squadra biancorossa, affidata a Vivarini, aveva vinto una dopo l’altra le gare contro Cavese, Ternana e Catanzaro, ma la Vibonese interruppe questa mini serie positiva, bloccando il Bari sul pareggio. Fu Terrani a riequilibrare il risultato a un quarto d’ora dalla fine, dopo che i calabresi avevano ribaltato in 5 minuti (al 60’ e al 65’) il vantaggio iniziale di Antenucci. La partita di ritorno a Vibo Valentia, in programma nel marzo scorso, non fu disputata a causa della sospensione del campionato.

La gara sarà diretta dal sig. Mario Saia, iscritto alla sezione di Palermo. Particolare curioso: il 4° uomo designato è Daniele Rutella di Enna che domenica scorsa ha arbitrato Paganese-Bari. Saia è alla terza stagione nella Can di Lega Pro, avendo esordito il 7 ottobre 2018 nel girone A arbitrando Pontedera-Olbia 2-1. Finora ha diretto 27 gare, con il seguente ruolino: 10 successi per le squadre impegnate in casa, 12 pareggi e solo 5 vittorie in trasferta, 141 ammonizioni, 7 espulsioni e 13 rigori concessi. Come appare evidente, è il pareggio il risultato più frequente, ma sorprende il numero dei rigori, in media praticamente 1 ogni 2 partite. Anche i cartellini gialli sono tanti, mediamente più di 5 a gara. Ha diretto poco nel girone C, solo 4 partite, nessuna in questo campionato. Con il Bari non ci sono precedenti  ed ha incontrato la Vibonese 1 volta, l’8 settembre 2019, in Cavese-Vibonese 1-1, gara caratterizzata da ben 9 cartellini gialli. Ma il record personale di ammonizioni Saia lo ha stabilito nella partita Paganese-Virtus Francavilla (2-1) del 20 aprile dell’anno scorso, quando sul suo taccuino finirono addirittura 10 giocatori ammoniti.

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV  da SKY, ELEVEN  SPORTS e in radiocronaca da RADIONORBA. Il fischio d’inizio allo stadio  “San Nicola”  è fissato alle ore 17.30. 





About Peppino Accettura 323 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*