GdS – Doll: “I galletti si affidano a Brienza per la promozione, Grosso sta facendo bene. Tifo Bari…”

L'ex tedesco, protagonista della promozione in serie A del 1997, tifa per i biancorossi



Share
Thomas Doll
Thomas Doll

Il tedesco Thomas Doll, ex biancorosso e protagonista della promozione del Bari in serie A nel 1996-1997, in un’intervista rilasciata alla ‘Gazzetta dello Sport‘ ha parlato dell’attuale squadra biancorossa che si affida all’esperienza e alla classe di Franco Brienza che, come è successo contro il Pescara, sta dimostrando di saper essere decisivo: “Faccio il tifo per il Bari. Per tifosi, città e regione una promozione sarebbe eccezionale. Parliamo di un club di grandissima tradizione, che non merita la serie B. I tifosi stessi meritano palcoscenici più importanti, so con che passione seguono la squadra. Io a Bari mi sono trovato bene sin da subito e proprio grazie al loro calore. Sono persone di cuore, leali e dirette. Mi sono sentito molto rispettato”.

LA PROMOZIONE IN A DEL 1996-1997, UNA STAGIONE PASSIONALE – Nel campionato di serie B 1996/1997, i biancorossi totalizzarono nelle ultime 11 giornate 24 punti, finendo a +1 dal Genoa: “Le ultime giornate furono molto tese. Pareggiammo a Foggia alla penultima, ma il Genoa non ne approfittò e all’ultima dilagammo con il Castel di Sangro. La città era in festa, fu emozionante. Era una bella squadra, che Fascetti aveva plasmato perfettamente“.

I COMPLIMENTI A GROSSO E GLI AUGURI PER UNA GRANDE STAGIONE AI TIFOSI – Infine, l’allenatore del Ferencvaros – serie A ungherese – ha augurato al Bari di tornare dove merita, complimentandosi con il tecnico biancorosso Fabio Grosso: “So che Grosso sta facendo bene ed è importante avere in squadra persone che nel calcio abbiano avuto successi. Ci tengo anche al fatto che i tifosi sappiano che, seppur da Budapest, mando loro i miei migliori auguri“.





About Francesco Margiotta 835 Articoli
Collaboratore e Giornalista Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio.

1 Comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*