Contro il Parma il Bari deve dimostrare di essere competitivo anche con le prime della classe

La presentazione della gara tra biancorossi e gialloblu



Tifosi del BariDopo aver sfatato finalmente il tabù delle mancate vittorie in trasferta, i biancorossi devono annullare quello dei successi negli scontri diretti contro le prime della classifica. E la sfida tra Bari (32 punti e 2° posto in classifica) e Parma (29 punti e 3^ posizione in graduatoria) capita proprio a proposito.  Infatti, mancano appena 2 giornate alla conclusione del girone di andata e finora i biancorossi di Grosso hanno ottenuto solo 2 delle 10 vittorie contro formazioni presenti nella prima metà della classifica, Cremonese e Cittadella.  Gli altri 8 successi sono stati conquistati ai danni di altrettanti avversari impegnati nella lotta per evitare i play-out.

Le sconfitte subìte da Palermo, Frosinone, Empoli, Venezia e Spezia non solo hanno impedito al Bari di guadagnare alcune lunghezze di vantaggio in graduatoria ma soprattutto rischiano di pesare pesantemente sulla classifica valida per i play-off. In tale ottica, al momento dunque la situazione è nettamente negativa per i biancorossi ai quali si presenta, nelle 2 gare che restano ancora da giocare prima della sosta di 3 settimane in gennaio, l’opportunità di recuperare crediti. I prossimi avversari, Parma oggi e Carpi fra una settimana, non sono comunque da sottovalutare.

Anzi, biancorossi e gialloblu presentano una serie di analogie nei rendimenti. Il Bari vanta il maggior numero di vittorie (10)  ma il Parma viene immediatamente dopo con 9, alla pari con il Palermo. Entrambe le squadre hanno subìto tante sconfitte, 7 il Bari e 6 il Parma, facendo registrare pochi pareggi, 4 gli emiliani e addirittura solo 2 i biancorossi.  Il Bari è la seconda squadra più prolifica della serie cadetta, dopo l’Empoli, con 33 gol realizzati, ma il Parma vanta la migliore difesa, dopo quella del Palermo, con appena 16 reti al passivo. Infine, il miglior rendimento in casa è quello dei biancorossi che al San Nicola viaggiano al ritmo di 2,4 punti a partita mentre i gialloblu in trasferta hanno conquistato finora 1,56 punti a gara, media inferiore solo a quella di Palermo, Novara e Venezia.

Il Parma, secondo alle spalle del Venezia nel girone B di Lega Pro a fine campionato scorso, ha guadagnato la promozione in B vincendo poi i lunghissimi play-off. In estate la società ha rinforzato soprattutto il centrocampo, con gli arrivi di Dezi e Barillà, e l’attacco, prelevando Roberto Insigne dal Latina, Di Gaudio dal Carpi, Siligardi dal Verona e Ceravolo dal Benevento. La sfortuna, sotto forma di infortuni, ha però colpito proprio le 2 punte di maggior spessore, Calaiò e Ceravolo. Per questo motivo la squadra emiliana non ha un vero cannoniere. Infatti, sono appena 5 a testa i gol realizzati dalla coppia Insigne-Calaiò: quest’ultimo ha trasformato 2 rigori. Il quarantenne difensore Alessandro Lucarelli, capitano della squadra, ha firmato 3 reti e precede nella classifica marcatori la punta Di Gaudio e altri 2 difensori, Gagliolo e l’ex biancorosso Di Cesare (2 gol ciascuno). Seguono infine altri 6 giocatori con 1 solo gol all’attivo: l’attaccante senegalese Baraye, il difensore Iacoponi e ben 4 centrocampisti, Barillà, Corapi, Munari e Scavone.

A Bari il Parma ha disputato 28  partite in 88 anni e il bilancio complessivo è in perfetta parità: 10 vittorie biancorosse, 8 pareggi e 10 successi gialloblu, 32 reti segnate dal Bari e 25 dal Parma. In serie A i biancorossi non hanno mai vinto, rimediando 5 pareggi e 5 sconfitte. Negativa è anche la situazione in Coppa Italia, con 1 vittoria e 2 sconfitte. Nella serie cadetta, invece, delle 15 partite giocate, il Bari ne ha vinte 9, pareggiate 3 e perse pure 3.L’ultimo successo dei biancorossi è stato il 6 agosto scorso in Coppa Italia (2-1), invece in serie B risale nientemeno che a 29 anni fa (2-1 in settembre 1988)

La gara sarà diretta dal signor Marco Piccinini, 34enne, ingegnere edile, iscritto alla sezione di Forlì. E’ alla seconda stagione in serie B ed ha diretto complessivamente  24 partite delle quali 12 si sono concluse con il successo delle squadre di casa, 4 con le vittorie esterne e 8 in parità, le ammonizioni sono state 114, 7 le espulsioni e 6 i rigori concessi. In questo primo scorcio di campionato ha già arbitrato Bari-Pescara (1-0)  e Foggia-Parma (0-3), complessivamente 8 partite con questo bilancio: 3 vittorie per le formazioni di casa, 3 pareggi e 2 successi per le squadre in trasferta.

L’incontro sarà trasmesso  solo da Sky Sport sul canale Sky Calcio 1 HD (n. 251). Un’altra possibilità di visualizzazione sarà fornita anche agli abbonati al pacchetto Sky Calcio “diretta streaming” tramite l’applicazione Sky Go, disponibile per pc, tablet e smartphone. Fischio d’inizio alle ore 20.30 allo Stadio “San Nicola” di Bari.






About Peppino Accettura 533 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

2 Comments

  1. Speriamo Grosso schieri la formazione più ovvia rispettando il modulo 4 3 3 con gli “anziani” tranquillamente in panchina.
    Al Bari a Gennaio servono due rinforzi: un difensore centrale rapido ed un centravanti degno di questo nome. 4 o 5 delle seconde e terze linee che vengano ceduti.
    Ciao e Buone feste.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*