LA PRESENTAZIONE DELLA GARA, ARBITRO E PRECEDENTI – Bari e Monopoli alla ricerca del riscatto dopo le sconfitte…



Il derby tra Monopoli e Bari si arricchisce di una motivazione in più: entrambe le squadre sono reduci da 2 sconfitte impreviste e per questo molto amare.

I  biancoverdi sono stati travolti dal Picerno ed hanno compromesso  l’esito della gara già dopo 26 minuti di gioco, quando hanno incassato il secondo gol.  I biancorossi nel recupero finale si sono fatti sorprendere in contropiede ed hanno gettato al vento 1 punto che pareva ormai acquisito, pur con tante recriminazioni.

La voglia di riscatto, dunque, sarà  la caratteristica di questa partita, con le due squadre intenzionate a dimostrare che il risultato negativo di domenica scorsa è stato solo un incidente di percorso.

Mignani apporterà sicuramente qualche modifica alla formazione: la ritrovata disponibilità di Mallamo e Paponi è molto importante per una gara piena di difficoltà. Al “Veneziani” la difesa del Monopoli è davvero blindata, solo 4 reti subìte, da Campobasso (2), Messina e Turris. Nelle altre 9 gare nessun avversario è mai andato in gol.

All’andata, il Bari, mantenne l’iniziativa per oltre un’ora contenendo la squadra biancoverde, che tuttavia si rese pericolosa un paio di volte. quando mancavano poco più di 10 minuti alla fine, Scavone di testa deviò in rete un cross di Ricci. Poi Mignani rinforzò la difesa per conservare il vantaggio.

Il Monopoli occupa il 9° posto nella classifica delle squadre più prolifiche. Le 29 reti all’attivo sono state realizzate da 10 giocatori: il cannoniere è Starita, autore di 10 centri (1 rigore), seguito da un altro attaccante, l’ex biancorosso Grandolfo che ha firmato 5 gol. Vengono poi 2 difensori, Arena (4 reti) e Mercadante (3 tutte su rigore). Infine 6 calciatori hanno realizzato 1 gol a testa, l’attaccante Borrelli, il difensore Bizzottto e i centrocampisti Bussaglia, Langella, Piccinni e Vitteritti. Va aggiunta l’autorete a favore di Sbraga della Turris, che ha determinato il successo dei biancoverdi sui campani.

La sfide tra Monopoli e Bari sono soltanto 2,  nei due campionati disputati dal Bari in C dopo la promozione dalla serie D, categoria dalla quale la nuova società, rilevata dalla famiglia De Laurentiis, era ripartita all’indomani del fallimento. Il Monopoli, invece, era in Lega Pro già da 3 stagioni. I biancorossi hanno pareggiato entrambe le partite, la prima giusto due anni fa, il 9 febbraio 2020, per 2-2 ( gol iniziale di Antenucci, rimonta e sorpasso del Monopoli con reti di Fella e Jefferson e pari finale di Sabbione) e la seconda il 21 ottobre 2020 a reti inviolate. Il bilancio dunque è in perfetta parità.

La gara sarà diretta dal sig. Daniele Rutella iscritto alla sezione di Enna. E’ molto esperto, essendo alla quinta stagione in Lega Pro. Il suo ruolino presenta 67 partite arbitrate con 327 cartellini gialli, 16 espulsioni per doppia ammonizione, 11 per rosso diretto e 19 rigori concessi, 30 successi per le squadre di casa, 17 pareggi e 15 vittorie per le formazioni impegnate in trasferta. E’ alla terza partita con il Bari che ha sempre vinto: il 23 ottobre 2019 Bari-Catanzaro  2-0, il 5 dicembre 2020 Paganese-Bari 0-1 e il 30 ottobre 2021 ancora Bari-Catanzaro 2-1.  Tre sono anche i precedenti con i bianco verdi: il 18 marzo 2018 Monopoli-Paganese 1-1, il 24 febbraio 2019 Catanzaro-Monopoli 2-1 e il 29 settembre 2019 Monopoli-Teramo 2-0. A collaborare sono stati designati  gli assistenti Antonio Severino della sezione di Campobasso e Giacomo Pompei Poentini di Pesaro , quarto ufficiale è Luca Zufferli di Foligno. L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da  SKY SPORT (canale 254), ANTENNA SUD (canale 13) ed ELEVEN  SPORT e in radiocronaca diretta da RADIOBARI. Il fischio d’inizio allo stadio  “Vito Simone Veneziani” (dimensioni m. 105 x 65, capienza 4.177 posti,  superficie in erba naturale) è fissato alle ore 17.30.





About Peppino Accettura 446 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*