IL PUNTO SUL CAMPIONATO DI B: Empoli straripante, il Foggia ha messo le ali



Share

Empoli a BariSembra senza ostacoli la marcia – straripante – dell’Empoli che rifila un altro poker – il terzo consecutivo – anche al Parma e si conferma in testa alla classifica di serie B insieme al Frosinone. E’ impressionante il ritmo che imprime la squadra di Andreazzoli nell’arco dei 90 minuti. Oltre a segnare gol a grappoli con la premiata ditta Caputo – Donnarumma sciorina un calcio altamente spettacolare e concreto. Se dovesse riuscire ad andare in fuga, l’Empoli potrebbe puntare alla promozione diretta continuando di questo passo. Sabato prossimo la formazione toscana è tuttavia attesa dalla trasferta di Cittadella. I veneti, appaiati con il Bari al quarto posto con 41 punti, hanno risposto proprio ai biancorossi andando a vincere anche loro per 1-0 in trasferta, a Cesena. Se dovessero riuscire a battere l’Empoli gli uomini di Venturato ufficializzerebbero la loro candidatura ai play off. Ma la formazione amaranto appare più portata a giocare in trasferta che a fare la partita tra le mura amiche. Vedremo. Certo che anche per l’Empoli sarà una sorta di prova del fuoco.

Il Bari invece avrà un turno apparentemente più facile, a Terni contro l’ultima della classe. Attenzione però. La classifica della Ternana non è veritiera. A Cremona la formazione di Grosso ha dimostrato di essere in ripresa e sufficientemente cinica capitalizzando al massimo l’eurogol di D’Elia. Ma l’attacco continua a tirare poco in porta. In compenso per la seconda settimana consecutiva, la difesa non ha preso gol e Micai ha trascorso una serata tutto sommato tranquilla.  Fa notizia – e che notizia – la terza sconfitta del Palermo, questa volta a Perugia. I rosanero stanno attraversando il loro periodo di crisi che coincide guarda caso con l’astinenza del bomber Nestorovski. I siciliani sono fermi a 43 punti, al terzo posto, appena due sulla coppia Bari-Cittadella. Zamparini sta smentendo se stesso. In altri tempi avrebbe già cacciato Tedino che tuttavia non è proprio in una botte di ferro. Se non si dovesse riprendere, la panchina rosanero cambierà padrone. Ordinaria amministrazione la vittoria interna del Frosinone contro l’Ascoli. La formazione di Longo sembra aver superato nel migliore dei modi la battuta d’arresto di Bari. Prosegue anche la marcia del Venezia che batte un coriaceo Avellino non senza fatica e continua a gravitare in orbita play off. L’innesto di Litteri al centro dell’attacco dei lagunari sta producendo i suoi frutti esattamente come li sta producendo nel Foggia il panzer tedesco Kragl. Nel girone di ritorno la squadra di Stroppa ha messo le ali e ora vince in casa e fuori che è una bellezza anche grazie ai nuovi innesti di gennaio. La difesa non subisce più gol con un Tonucci superlativo capace di cancellare dal campo un bomber come Melchiorri. Ma anche l’attacco va a mille. Non solo Kragl – autore di una doppietta contro il Carpi – ma anche Mazzeo sembra essere tornato l’attaccante completo di un tempo dopo essere uscito da una serie di infortuni. Insomma il Foggia – a fari spenti – potrebbe strizzare l’occhio ai play off se dovesse continuare a giocare così e a dare spettacolo come contro  Palermo e Carpi.

Insieme al Palermo è in evidente crisi di gioco e risultati anche il Parma nettamente battuto ad Empoli. D’Aversa sembra avere le ore contate anche perché la squadra non ha più né capo, né coda nonostante sulla carta sia stata rinforzata nell’ultima sessione di calciomercato. Di questo passo i sogni di gloria della sua dirigenza vanno ridimensionati. Pareggi incolori tra Novara – Spezia e Salernitana – Pro Vercelli che tuttavia consolidano le loro posizioni di centroclassifica così come il Pescara di Zeman che non va oltre lo 0-0 a Chiavari. Sono proprio cambiati i tempi. Difficilmente una squadra allenata dal tecnico boemo faceva 0-0. Più probabile un 3-3 se non un 4-4. Evidentemente le tante batoste prese hanno convinto il buon Zeman a cambiare qualcosa del suo credo calcistico. Torna al successo il Perugia grazie al suo bomber Di Carmine che dà un dispiacere proprio a quella che doveva essere la sua nuova squadra. In coda continua a perdere la Ternana – prossimo avversario del Bari – sconfitta nettamente anche a Brescia che invece sale a 27 punti lasciando dietro di sé Pro Vercelli e Ascoli che insieme agli umbri dovranno iniziare quanto prima la volata per non cadere nell’inferno della Lega Pro.





About Nico Lovecchio 15 Articoli
Giornalista Professionista iscritto all'Ordine da quasi 25 anni. Tanta esperienza e voglia di scrivere di calcio. Con particolare attenzione al mondo biancorosso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*