Botta: «Partita dura, ma abbiamo regalato al Parma 15 minuti. Testa ora a Frosinone…»

Le dichiarazioni del fantasista biancorosso al termine del match contro il Parma



Share

Nel post gara della sfida di Coppa Italia giocata dal Bari a Parma, ad intervenire in conferenza stampa è stato Ruben Botta.

Il fantasista argentino biancorosso ha così commentato la sconfitta di misura: «Penso che sia stata una partita dura. Ci sono stati circa 10-15 minuti in cui non siamo riusciti a d avere il possesso di palla e loro hanno trovato il gol. Poi abbiamo provato a pareggiare, ma non ci siamo riusciti».

Il 32enne sudamericano non è d’accordo con chi ipotizza un impegno minore proferito dai suoi compagni: «Tutta la squadra oggi voleva vincere per poter poi andare a giocare a “San Siro”. La cosa più importante è però pensare ora solo alla gara di Frosinone che sarà una partita importante per tornare al successo».

Quanto all’avversario, l’ex Sambenedettese ne ha riconosciuto il valore, sebbene ci sia un rimpianto: «Sapevamo che il Parma è una squadra importante, ricca di bravi  giocatori e noi gli abbiamo regalato un quarto d’ora. Sappiamo che, quando si affrontano certe formazioni, certe pause te le fanno pagare».

Il trequartista ha poi speso alcune parole su Cheddira: «Lo sanno tutti che per noi è un giocatore importante. Inoltre è anche una brava persona e merita tutto quello che sta passando. Walid è un giocatore forte, ha gamba ed ha anche imparato tantissimo».In chiusura il numero #10 dei galletti ha parlato dei tifosi, anche al “Tardini” presenti in maniera massiccia, nonostante si giocasse in settimana: «Sappiamo che loro sono sempre al nostro fianco in tutte le partite. Si fanno sentire e per noi sono molto importanti, sia in casa che fuori».





About Redazione barinelpallone 3523 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*