PRESENTAZIONE DELLA GARA – Bari, occorre smentire in trasferta la “regola del 3”

La presentazione della gara tra i pugliesi e i liguri


Giocatori del BariA conclusione del primo mese di campionato, il Bari (9 punti) affronta la terza trasferta sul campo in erba sintetica dello Spezia (7 punti). All’”Alberto Picco” (capienza 10.336 posti) i biancorossi puntano a smentire la “regola del 3”: tanti sono i gol subìti sia dall’Empoli che dal Frosinone. Ma la squadra deve anche chiarire quanto vale lontano dal “San Nicola”. Per una curiosa serie di circostanze, il Bari ha giocato ben 6 partite ufficiali, 2 in Coppa Italia e 4 in campionato, in casa (5 vittorie e 1 sconfitta) e solo 2 in trasferta, perse entrambe.
Lontano dal “San Nicola”, dunque, la squadra biancorossa sembra irriconoscibile: La serie negativa in trasferta, a dire il vero, dura da 7 mesi, all’indomani della vittoria a Benevento, il 24 febbraio scorso, ma l’ultimo periodo del campionato passato non può far testo perché la squadra dette l’impressione quasi di aver “smesso di giocare”, tanto erano svogliate, fiacche e inconcludenti le prestazioni dei biancorossi.
La trasferta di Spezia è anche un banco di prova per lo schieramento che appare ormai ben collaudato, il 3-5-2, che consente una maggiore copertura alla difesa con l’arretramento dei due esterni. Resta da vedere se il centrocampo saprà contenere le azioni avversarie e fornire utili rifornimenti agli attaccanti.

La squadra ligure ha concluso la stagione passata in 8^ posizione con 60 punti, ben 7 in più del Bari (12° a quota 53). Fu eliminata nel primo turno a gara secca perché ebbe la sfortuna di incontrare proprio il Benevento: 2-1 il risultato finale. La grossa delusione ha portato i dirigenti a decidere una vera e propria “rifondazione”, a cominciare dall’allenatore: Di Carlo ha lasciato la panchina a Fabio Gallo, che aveva guidato in C il Como appena retrocesso. Sono partiti il portiere Chichizola, i difensori Migliore e Valentini, i centrocampisti Pulzetti, Djokovic, Signorelli, Errasti e Sciaudone, gli attaccanti Nené, Piccolo, Giannetti, Piu e Baez. Li hanno rimpiazzati i portieri Bassi (Parma)  e Di Gennaro (Ternana), i difensori Giani (Spal), Capelli (Cesena), Calabresi (Brescia), Bolzoni (Novara), Masi (Bari) e Lopez (uruguaiano ex Benevento), i centrocampisti Giorgi (Ascoli), Acampora (Perugia), Pessina (Como) e lo spagnolo Juande, e infine gli attaccanti Marilungo (Empoli), Forte (Perugia) e Soleri (Roma).

Nel primo impegno di Coppa Italia, il 6 agosto, lo Spezia travolse la Reggiana (3-0) ma le reti furono realizzate da un difensore, Ceccaroni, e dai centrocampisti Vignali e Sciaudone, quest’ultimo poi trasferito a Novara. Successivamente, la squadra di Gallo fu eliminata dal Sassuolo (prossimo avversario dei biancorossi a fine novembre) che in meno di mezz’ora realizzò le reti del 2-0. In campionato è stata confermata la sterilità dell’attacco bianconero: nelle 6 partite giocate lo Spezia è andato in gol solo 3 volte, minimo assoluto che lo condanna quale peggior attacco della serie cadetta, alla pari di Cesena, Pro Vercelli e Venezia. I marcatori sono solo 2, un attaccante, Marilungo, autore di 2 reti, e un difensore, Terzi, che ha firmato la terza. Quasi tutti i punti all’attivo, 6 su 7, sono stati conquistati in casa, grazie ai successi sulla Virtus Entella (2-1) e sul Novara (1-0), venuti dopo la sconfitta subìta ad opera del Carpi. In trasferta la squadra di Gallo è tornata imbattuta solo da Venezia (0.0), perdendo a Palermo e Salerno con l’identico punteggio (0-2). 

Sul terreno di gioco ligure, biancorossi e bianconeri si sono incontrati 12 volte, sempre in B tranne una, nell’agosto del 1988, in Coppa Italia, quando il Bari vinse per 3-1. La sfida ha origini antiche, dal 1930. Tre gare sono state disputate prima della seconda guerra e la quarta ben 67 anni fa. Nello scorso campionato finì 1-0 per lo Spezia, con gol di Granoche dopo neppure un quarto d’ora di gioco. Complessivamente, in campionato il Bari ha ottenuto solo 1 vittoria, a marzo del 2007, e 4 pareggi, rimediando ben 6 sconfitte, 12 le reti all’attivo e 16 al passivo.

La gara sarà diretta dal signor Riccardo Ros iscritto alla sezione di Pordenone: compirà 32 anni il prossimo novembre ed è alla 4^ stagione in serie B. Finora ha arbitrato 48 incontri ed è uno “specialista” in pareggi: poco meno di metà delle partite (23) si è chiusa in parità, mentre le vittorie in casa sono 19 e quelle in trasferta appena 6, 15 le espulsioni e 17 i rigori concessi. Quest’anno ha diretto 2 gare, Salernitana-Ternana (3-3) e Palermo-Perugia (1-0). Con lui, il Bari non ha mai vinto: solo 4 pareggi e 3 sconfitte.

L’incontro sarà trasmesso  solo da Sky Sport sul canale Sky Calcio 5 HD (n. 255). Un’altra possibilità di visualizzazione sarà fornita anche agli abbonati al pacchetto Sky Calcio “diretta streaming” tramite l’applicazione Sky Go, disponibile per pc, tablet e smartphone. Fischio d’inizio alle ore 15 allo Stadio “Alberto Picco”.






About Peppino Accettura 593 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*