Il doppio ex Fontana a BNP: “Cesena scorbutico, ma il Bari sabato può farcela”

La nostra intervista all'ex portiere dei galletti dal 1993 al 1997



Share

Cesena e Bari nella carriera di Alberto Fontana hanno significato tanto, se non tutto. Coi galletti è stato dal 1993 al 1997, collezionando 133 presenze tra Serie A e Serie B. I bianconeri, invece, lo hanno lanciato nel calcio professionistico. Cosa aspettarci dalla sfida di sabato? Di questo aspetto e di tanti altri ancora la nostra redazione ne ha parlato proprio con l’ex portiere classe 1967.

Buonasera signor Fontana. Inutile ricordare l’importanza che Cesena e Bari hanno rivestito per la sua carriera…
“Sono state due fasi della carriera molto determinanti per me. A Bari ho visto il calcio vero, anche se a Cesena il calcio è vissuto in maniera molto focosa non c’è paragone rispetto al capoluogo pugliese. Il Cesena da quando c’è Castori è una squadra scorbutica, è stata realizzata una media punti importante che ha permesso di riaccendere l’entusiasmo dei tifosi. Se il Bari renderà al 100% potrà dimostrare di essere superiore”.

Quanto ha sorpreso il Bari e quanto ha deluso, sin ora, il Cesena?
“Il Bari non mi ha stupito più di tanto. Giocatori ed allenatore sono di tutto rispetto, anche se vincere in B non è mai facile. A Bari tutti vengono a fare la partita della vita, del resto. Credo che i galletti siano tra le principali candidate per risalire in A. Il Cesena, invece, è partito molto male. Può fare mercato grazie alla presenza di un fenomeno come Foschi, bravo a portare in Romagna calciatori interessati”.

Intanto il Bari questa settimana festeggia i suoi 110 anni di storia.
“Questo traguardo conferma la grande tradizione che c’è intorno alla società di calcio e l’importanza della sua storia. Non posso che augurare ai galletti il ritorno in A, il palcoscenico più giusto per questa squadra. La partita che non scorderò mai è quella giocata contro il Castel di Sangro. Chiudere la mia parentesi a Bari davanti a sessantamila persone fu emozionante. Sapevo già da tre mesi di non essere più un calciatore dei galletti, avevo appena firmato per l’Atalanta. Fascetti è stato un grande allenatore e mi motivò a dare il massimo fino alla fine e nonostante tutto”.

In riva all’Adriatico lei centrò anche una promozione in A con Materazzi. Quali qualità servono per vincere un campionato di Serie B?
“Quella allenata da Materazzi era una squadra giovane e con qualità importanti. davanti si poteva contare su veri e propri fuoriclasse. Per vincere il campionato di B serve umiltà in certi momenti, anche se ti chiami Bari”.

In qualità di ex portiere come giudica Micai e De Lucia? Il primo è ormai il titolare del Bari da tre stagioni, il secondo è invece un giovane promettente.
“Il primo ragazzo per la B è una certezza, centrare la Serie A col Bari sarebbe un traguardo importantissimo. De Lucia, invece, pur non conoscendolo benissimo, mi sembra un ragazzo interessante”.





About Domenico Brandonisio 2279 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio di Bari e Provincia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*