Il Bari torna sulla terra, a Francavilla arriva la prima sconfitta! Galletti travolti per 3-0…



Nell’undicesima giornata del campionato di serie C, il Bari naufraga letteralmente nel derby esterno contro la Virtus Francavilla perdendo per 3-0. Il risultato non fa una grinza e non lascia alcuna attenuante alla formazione biancorossa che alla vigilia del match aveva la ghiotta occasione di allungare in classifica sul Catanzaro uscito sconfitto dalla gara contro il Monopoli e di compiere un’autentica fuga. I galletti non entrano mai in partita e si fanno trafiggere da Ekuban, Caporale e Ventola, sembrando la cattiva copia della spumeggiante e autorevole compagine ammirata fino ad oggi. Non basta il campo sintetico, sul quale i ragazzi di mister Mignani confermano di non trovarsi a proprio agio, a spiegare la disfatta che deve servire per il futuro. Arriva la prima sconfitta in campionato, ma non è il caso di fare drammi. Una giornata storta e completamente da dimenticare può starci, a patto di non creare strascichi sul morale e di ripartire subito con energia e motivazione. A partire già dalla sfida contro il Catanzaro in programma sabato prossimo al “San Nicola”.

LE FORMAZIONI
Mister Mignani ricorre nuovamente al turnover e schiera sugli esterni difensivi Belli a destra e Mazzotta a sinistra (preferiti a Pucino e Ricci), mentre i centrali sono Terranova e Di Cesare (che vince il ballottaggio con Gigliotti). A centrocampo manca l’infortunato Scavone, sebbene si possa contare finalmente su Di Gennaro, e nella posizione di play c’è ancora Maita, affiancato dal riconfermato Mallamo e dal solito D’Errico. Sulla trequarti agisce come al solito Botta mentre in attacco non può essere della gara l’altro indisponibile Marras e allora a cercare di perforare il portiere avversario ci provano Antenucci e Cheddira.
Mister Taurino (oggi non presente in panchina a causa della squalifica) deve fare a meno degli appiedati Nobile, Perez, Patierno, Enyan e Miceli ed in porta ci va allora Milli, mentre i 3 centrali di difesa sono Delvino, Idda e Caporale. La mente del centrocampo è Prezioso, affiancato da Tchetchoua e Toscano (che vince il ballottaggio con Mastropietro), mentre Pierno e Ingrosso presidiano le fasce laterali. La coppia offensiva è composta da Ekuban e Ventola.

LA GARA
Primo tempo
– I padroni di casa colpiscono a freddo i galletti. Al 7’ Ingrosso va via infatti sulla sinistra a Mallamo e, sul suo cross basso, Ekuban è bravo ad anticipare Di Cesare e ad insaccare. Gli ospiti accusano il colpo e non riescono subito a reagire nonostante una costante pressione offensiva, però alquanto sterile. Al 18’ finalmente Terranova gira di testa su una punizione di Botta, ma la palla termina oltre la traversa. I brindisini sono però carichi e al 27’ trovano il raddoppio. Il merito è da ascrivere interamente a Caporale che si rende protagonista di un’iniziativa personale sulla sinistra: il difensore scende come un treno saltando Cheddira e Mallamo e si incunea in area per poi scagliare una gran botta di sinistro che trafigge ancora Frattali. Nell’occasione si infortuna Di Cesare che è costretto ad uscire, rimpiazzato da Celiento. Al 41’ la Virtus sfiora addirittura il tris con una conclusione dalla distanza di Ventola, sulla quale Frattali deve rifugiarsi in corner.
Secondo tempo – Anche nella ripresa non si vede il solito Bari brillante sebbene i biancorossi provino a rimontare i due gol di svantaggio. I francavillesi si difendono con ordine e non lasciano alcun spazio agli attaccanti avversari. Mignani pensa saggiamente di cambiare qualcosa e a metà tempo inserisce Paponi e Simeri al posto di Antenucci e D’Errico spostando Botta nel ruolo di mezzala e ridisegnando i suoi con un 4-3-3. Il tentativo è inutile perché al 25’ il Francavilla segna il terzo gol con Ventola che mette in rete a due passi dalla porta. Al 29’ Botta effettua una conclusione a giro di sinistro che sfiora solo il palo prima dell’ingresso in campo di Citro e Bianco al posto di Maita e Botta. Proprio Citro divora subito dopo una palla gol grande quanto una casa a dimostrazione di un pomeriggio davvero nero per il Bari. Al 35’ la palla danza davanti a Milli senza che alcun galletto riesca a metterla dentro. La partita non offre granché fino al termine, se si eccettua un palo colpito di testa nel recupero da Citro su assist di Belli, e si conclude con la pesante sconfitta per i baresi.

Tabellino
V.FRANCAVILLA-BARI 3-0
V.FRANCAVILLA (3-5-2): Milli; Delvino, Idda, Caporale; Pierno (dal 44′ st Magnavita), Tchetchoua (dal 45′ st Gianfreda), Prezioso (dal 37′ st Mastropietro), Toscano (dal 22′ st Carella), Ingrosso; Ekuban, Ventola (dal 45′ st Dacosta). A disposizione: Cassano, Negro, Feltrin, Padovano. Allenatore: G.M.Funaro (in sostituzione dello squalificato R.Taurino).
BARI (4-3-1-2): Frattali; Belli, Di Cesare (dal 31′ pt Celiento), Terranova, Mazzotta; Mallamo, Maita (dal 32′ st Bianco), D’Errico (dal 23′ st Simeri); Botta (dal 32′ st Citro); Antenucci (dal 23′ st Paponi), Cheddira. A disposizione: Polverino, Plitko, Pucino, Gigliotti, Ricci, Lollo, Di Gennaro. Allenatore: M.Mignani.
ARBITRO: sig. E.Maggio della sez. di Lodi. Assistenti: A.Cavallina della sez. di Parma e .Dicosta della sez. di Novara.
RETI: al 7′ pt Ekuban (V), al 27′ pt Caporale (V), al 25′ st Ventola (V).
AMMONITI: Prezioso, Toscano, Milli e Ingrosso (V); Di Cesare, D’Errico, Botta e Terranova (B).
NOTE: cielo nuvoloso, campo in erba sintetica; angoli: 6-2 per il Bari; recuperi: 2′ pt e 6′ st; spettatori: 2.500 circa (di cui 375 tifosi ospiti).





About Tommaso Di Lernia 612 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*