Vibonese-Bari, le pagelle dei biancorossi: Di Cesare gladiatore, Lollo lento nei riflessi…



La giornata di sabato prossimo potrà segnare una svolta decisiva nella storia del campionato.

Saranno infatti di fronte la seconda (Avellino) contro la terza (Bari) e la quinta (Juve Stabia) contro la quarta (Catanzaro).Il Bari si presenta alla “scontro” nelle migliori condizioni psicologiche.

La squadra di Carrera ha spezzato la serie negativa conquistando 2 successi consecutivi, molto importanti per la classifica e il morale, anche se poco convincenti sul piano del gioco.

I campani, invece, sono stata letteralmente spazzati via da una Ternana davvero “aliena” che ha rifilato alla seconda della classifica 3 gol nei primi 23 minuti.

Diamo un voto ai giocatori del Bari scesi in campo contro la Vibonese.

FRATTALI
6,5semaforo_verde
  Non ha corso alcun rischio. Sicuro e sempre ben piazzato, ha tolto ogni pericolosità alle conclusioni degli avversari verso la porta. CONTROLLA SENZA PATEMI
SEMENZATO
5,5semaforo_rosso
  Si è trovato di fronte l’ex biancorosso Statella che lo impegnato a fondo e gli è anche sfuggito un paio di volte, aprendo dei buchi nella difesa biancorossa. QUALCHE AMNESIA DI TROPPO
MINELLI
6,5semaforo_verde
  Non ha lasciato passare nessuno degli attaccanti rossoblu che non hanno saputo costruire neppure una pallagol. Con il trascorrere delle giornate diventa sempre più insostibuibile. AUTOREVOLE
DI CESARE
6,5semaforo_verde
  Il solito combattente: si è lancia sempre con grande animo per ribattere tutti i palloni che arrivano nell’area biancorossa e, appena può, si proietta in avanti per cercare il gol. GLADIATORE
PERROTTA
6,5semaforo_verde
  Dalla fascia sinistra non si passa. In quella zona si sono avvicendati Cattaneo e Spina ma non è arrivato alcun pericolo concreto per Frattali. QUANDO SERVE C ‘E’ SEMPRE
BIANCO
6semaforo_verde
  Positivo il lavoro di contenimento a centrocampo. Ha cercato, senza successo, la profondità per i compagni con alcuni lanci in avanti, ma spesso fuori misura. ORDINATO
LOLLO
5,5semaforo_rosso
  Ha sofferto tanto il pressing dei centrocampisti calabresi che hanno accorciato le distanze e gli hanno impedito di poter riflettere prima di liberarsi della palla. Per questo ha commesso parecchi errorinei passaggi ai compagni. LENTO NEI RIFLESSI
MARRAS
5,5semaforo_rosso
  Ha spaziato su tutto il fronte dell’attacco, scambiandosi anche di fascia con D’Ursi nel finale del primo tempo, ma non è mai riuscito a liberarsi per il tiro. Ha impegnato la difesa avversaria ma buoni sono stati solo un paio di cross in area. PREVEDIBILE
MANE’
S.V.semaforo_giallo
  Carrera lo ha inserito in sostituzione di Marras a pochi secondi dalla fine del recupero. E’ stato l’esordio per il giovane difensore della “Berretti”.  
MAITA
6,5semaforo_verde
  Mostra di essere a proprio agio nella posizione di trequartista alle spalle della punta. E’ l’uomo guida della squadra, cerca di mettere ordine e prova anche a tirare in porta. GRANDE PERSONALITA’
D’URSI
6semaforo_verde
  Ha giocato in una posizione leggermente arretrata a metà campo, ha anche invertito la fascia con Marras per un quarto d’ora, ma si è fatto notare solo per una conclusione dal limite deviata in angolo dal portiere. INTERMITTENTE
ROLANDO
S.V.semaforo_giallo
  E’ subentrato a D’Ursi a dieci minuti dalla fine.                                                                                  
ANTENUCCI
6,5semaforo_verde
  Il cannoniere biancorosso è tornato al gol dopo due mesi e non ha mostrato alcuna emozione nella trasformazione del rigore contro il portiere che gli aveva parato quello della partita d’andata. Appaiono evidenti i suoi progressi anche nella capacità di smarcarsi per il tiro. GLACIALE
Allenatore: M.CARRERA
6,5semaforo_verde
  Contava solo il risultato e così è stato. Carrera ha ripresentato Maita nella linea dei trequartisti per rinforzare il centrocampo e il Bari ha vinto, pur senza mostrare quella superiorità tecnica di cui era accreditato. La squadra ha sofferto, ha riconosciuto il tecnico, e non é riuscita a chiudere la partita prima del 90′ anche perchè non é stata in grado di effettuare cambi di ritmo. Anzi, più volte é caduta in pause preoccupanti. Comunque i biancorossi hanno costruito almeno 3 pallegol e meritato il successo. APPROCCIO INCORAGGIANTE
Arbitro: Sig. RICCI
6,5semaforo_verde
  L’arbitro fiorentino ha diretto con sicurezza e autorità. Non ha esagerato con i cartellini gialli, considerato che nei primi 45’lo ha mostrato solo a Laaribi, autore del fallo che ha determinato il rigore. Nella ripresa il nervosismo in campo è salito e sono stati ammoniti 3 giocatori biancorossi e l’allenatore dei rossoblu. Non ha deluso. HA TENUTO IN PUGNO LA GARA





About Peppino Accettura 352 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*