Perrotta: «Più che errori tecnici, commettiamo errori di concentrazione. Siamo stati bravi a riprenderla, dimostrando carattere. Non possiamo essere attendisti…»

Le dichiarazioni del giocatore biancorosso al termine della gara pareggiata contro il Palermo



BARI – Al termine della gara tra Bari e Palermo, terminata col punteggio di 2-2, a presentarsi davanti ai microfoni dei giornalisti per i biancorossi è stato Marco Perrotta che ha firmato il gol del provvidenziale pareggio proprio all’ultimo minuto di gioco.

Il difensore del Bari così commentato quanto accaduto in campo: «Avevamo approcciato bene la partita, ma il rigore ci ha fatto un po’ perdere le nostre certezze. Abbiamo avuto un momento di difficoltà, ma siamo stati bravi a riprenderla e sono molto contento perché abbiamo dimostrato carattere. Questo punto di vista penso che ci debba far recuperare fiducia in noi stessi e che rappresenti un punto da cui ripartire».

Il numero #3 dei galletti è conscio, come i suoi compagni, degli errori difensivi che continuano a perpetrarsi: «Prendere gol non fa mai piacere e la maggior parte delle volte è sempre evitabile. Sappiamo tutti che abbiamo fatto degli errori e dobbiamo lavorare per rimediare a quelli commessi finora».

Il 27enne di Campobasso ha poi indicato quella che a suo avviso è la via da seguire in prospettiva playoff: «Tra poco ci aspetta un mini torneo importante e quindi dobbiamo essere forti mentalmente. Infatti, più che errori tecnici, commettiamo errori di disattenzione e di concentrazione e quindi dobbiamo lavorarci su poiché questi aspetti possono rivelarsi molto importanti per noi. Dobbiamo sempre dare il massimo come avvenuto oggi negli ultimi 15 minuti, ma per tutta la partita. Solo così potremo provare a fare qualcosa di importante. Se adottassimo un atteggiamento rinunciatario e attendista, faremmo un po’ di fatica perché noi dobbiamo pensare sempre a vincere le partite, magari anche azzardando qualcosa. Gli ultimi 15 minuti odierni ne sono stata una dimostrazione sebbene il Palermo fosse in dieci. Abbiamo avuto una cattiveria e una volontà decisamente superiori rispetto ai primi 70 minuti».

Il centrale molisano ex Pescara si è congedato dai microfoni della stampa con una battuta sul presidente De Laurentiis: «E’ venuto a salutarci prima della gara, ma al termine della partita non l’abbiamo proprio visto e non si è affacciato nello spogliatoio».





About Tommaso Di Lernia 563 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*