Cheddira: «Mi piace segnare, ma non sono egoista! Ho voglia di riportare il Bari in alto. Andare in doppia cifra? Sarebbe bellissimo…»



BARI – Nel pomeriggio, nella sala stampa del “San Nicola”, Walid Cheddira ha avuto modo di presentarsi ai giornalisti e ai tifosi del Bari.

In apertura di conferenza stampa, l’attaccante biancorosso ha provato a descrivere la sua posizione in campo e le sue caratteristiche: «Ho sempre giocato nel reparto offensivo e mi trovo benissimo col modulo del mister. In passato ho però anche fatto l’esterno d’attacco. Per me non fa differenza giocare a due o a tre».

L’ex Mantova appare davvero concentrato sull’obiettivo comune, anche a costo di sacrificarsi,  e ci tiene a sottolinearlo: «Ovunque sia andato mi hanno detto di vedere in me la voglia e la fame di arrivare. Effettivamente, quando entro in quel rettangolo verde, in me scatta qualcosa in me che mi porta a sopperire alcune qualità che non ho. Cerco di fare il possibile per la squadra e per i compagni. I gol? Mi piace logicamente farne ma, se in una situazione di gioco vedo un compagno messo meglio, cerco di passare la palla per il bene comune e senza egoismi».

Mignani adotta un gioco piuttosto offensivo e la punta italo-marocchina è contento di quelli che saranno i suoi compiti in campo: «Il mister chiede agli attaccanti di fare cose diverse come l’assicurare l’aiuto e il sacrificio in fase difensiva. Lui vuole che le punte rientrino per tenere corta la squadra e quindi il mio compito non è solo quello di dare profondità all’azione con la mia velocità e la mia forza, ma anche quello di dare una mano in copertura».

Quanto ai suoi obiettivi stagionali: «Non mi sono prefissato un obiettivo particolare. Ogni partita penserò di dare il massimo e poi vedrò ciò che accadrà in campo. Andare in doppia cifra? Sarebbe un bellissimo obiettivo, ma mi interessano più le vittorie che i gol».

In questo Bari il calciatore di proprietà del Parma ha davvero dei compagni di reparto da cui imparare: «In ogni allenamento cerco di captare qualcosa di buono da ogni mio compagno di reparto ed arrivare ai loro livelli. La precisione e la cattiveria con cui loro cercano il gol sono un qualcosa che posso imparare dai vari Antenucci, Citro, Simeri e Marras».

In chiusura il numero #11 dei galletti ha spiegato per quale motivo ha scelto di venire a Bari: «Sono venuto qui perché ho voglia di riportare il Bari nelle categorie che merita e in ogni partita daremo il massimo per centrare questo obiettivo».





About Redazione barinelpallone 3354 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*