Bari-Fidelis Andria 0-0, le pagelle dei biancorossi: Terranova leader della difesa, D’Errico assente…



BARI – Il Bari ha non ha sfruttato la prima occasione per conquistare matematicamente in anticipo la promozione.

La squadra ha confermato di soffrire quando incontra avversari che infoltiscono il centrocampo.

L’appuntamneto è rinviato di una settimana. Comunque é destino che i tifosi restino delusi proprio quando affollano il “San Nicola” con un’affluenza da record, proprio come era già accaduto nell’altro derby con il Foggia.

Diamo un voto ai giocatori del Bari scesi in campo contro la Fidelis Andria.

POLVERINO
6,5semaforo_verde
  Non è stato impegnato in alcuna parata degna di questo nome. E’ intervenuto solo su qualche cross e sui disimpegni dei compagni. Il voto è per la sicurezza mostrata nella propria area. ORDINARIA AMMINISTRAZIONE
CELIENTO
6semaforo_verde
  Non si è preoccupato più di tanto di coprire in fase difensiva la sua fascia, spingendosi spesso in avanti per aggirare la difesa ma non sempre è riuscito ad entrare nell’area azzurra. TANTE SGROPPATE
BELLI
6semaforo_verde
  A metà ripresa Mignani l’ha messo dentro al posto di Celiento con la speranza di aumentare la pressione offensiva sull’esterno, considerato che al centro non si passava. Tutto inutile. A SPRAZZI
TERRANOVA
6,5semaforo_verde
  Il solito gigante in difesa. Ha spazzato l’area biancorossa senza problemi, pur favorito dalla pochezza dell’attacco andriese, privo degli elementi di maggior peso. LEADER DELLA DIFESA
GIGLIOTTI
6semaforo_verde
  Ha fatto da spalla a Terranova, ma non ha mostrato la consueta sicurezza negli interventi in area biancorossa. QUALCHE SBAVATURA
MAZZOTTA
6,5semaforo_verde
  Si è trovato di fronte l’avversario più pericolo, Ciotti, che lo ha impegnato a fondo. Comunque non ha trascurato, soprattutto nella ripresa, le proiezioni sulla fascia, arrivando anche a tirare in porta. INCURSORE
MAITA
6semaforo_verde
  Ha rimediato una ingenua ammonizione per simulazione in area ospite dopo pochi secondi di gioco e ne è rimasto condizionato. Da lui comunque è lecito attendersi molto di più. NON ILLUMINA
BIANCO
5,5semaforo_rosso
  E’ subentrato a metà ripresa a Maita, che rischiava di subire un secondo cartellino giallo. Non è riusicto a farsi largo nell’affollato centrocampo. POCO REATTIVO
MAIELLO
5,5semaforo_rosso
  Ha iniziato cercando di servire in verticale i compagni, poi ha finito per imbrigliarsi a metà campo nella ragnatela costruita dagli ospiti. OPACO
D’ERRICO
5semaforo_rosso
  Non è mai entrato in partita. I suoi tentativi di sfondare dalla sinistra si sono infranti sul muro difensivo degli azzurri. Ha lasciato il campo a metà ripresa. ASSENTE
MALLAMO
6semaforo_verde
  Ha sostituito D’Errico anche nella posizione, ma non è stato vivace come suo solito. ANONIMO
GALANO
5semaforo_rosso
  Lontano dalla migliore condizione. I riflessi sono lenti e si fa murare i tiri. Si muove per tutto il campo, poi passa stabile a destra, ma non trova spazio. BOCCIATO
SIMERI
S.V.semaforo_giallo
  Subentra a Galano a dieci minuti dalla fine, ma è troppo tardi.                                                             
ANTENUCCI
5,5semaforo_rosso
  Costretto a girare al largo , non é entrato mai in area e non ha mai tirato in porta. Con Galano passato a destra, si è spostato al centro nel ruolo di suggeritore. Comunque il suo apporto è stato ridotto. SPENTO
CITRO
6semaforo_verde
  Il suo ingresso in campo ha dato una smossa agli attaccanti biancorossi. E’ una risorsa per Mignani. VOLENTEROSO
CHEDDIRA
6semaforo_verde
  E’ stato l’elemento più pungente dell’attacco biancorosso, ma è stato poco preciso nelle conclusioni di testa e con i piedi. COMBINA POCO
Allenatore: M.MIGNANI
5,5semaforo_rosso
  Ha deluso l’approccio della squadra ad una partita che rivestiva una grande importanza psicologica, considerato che i biancorossi sono scesi in campo conoscendo già il fiasco registrato dal Catanzaro. E non era il caso di insistere in esperimenti, come quello di Galano, di fronte a un pubblico record che si aspettava di festeggiare la promozione. Le sostituzioni, questa volta, non hanno sortito l’effetto desiderato. NON SCUOTE LA SQUADRA
Arbitro: Sig. P.TREMOLADA
6semaforo_verde
  L’arbitro lombardo ha diretto una gara abbastanza tranquilla, giocata ad un ritmo ridotto, piuttosto lento . Nonostante tutto ciò, ha scontentato tutti con una serie di decisioni non sempre condivise, pur se non hanno avuto una influenza decisiva sul risultato. SENZA INFAMIA E SENZA LODE





About Peppino Accettura 454 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*