Ternana-Bari, le pagelle dei biancorossi: Maita leader, Minelli sofferente…



Il Bari ha fatto tremare la capolista Ternana, con un parco giocatori nettamente superiore, ma alla fine è rimasto a bocca asciutta.

Il portiere umbro ha impedito ai biancorossi di chiudere la partita a conclusione di un primo tempo esemplare, che comunque lascia fiduciosi per i prossimi impegni senza respiro. Casertana, Catanzaro, Paganese e Vibonese sono i prossimi avversari prima dello scontro con l’Avellino che dovrà invece affrontare Potenza, Catania, V. Francavilla e Ternana. Riusciranno i biancorossi a ridurre l’attuale distacco di 5 punti?

Diamo un voto ai giocatori del Bari scesi in campo contro la Ternana.

FRATTALI
6,5semaforo_verde
  Ha chiuso la sua porta per più di 80 minuti annullando con sicurezza i tentativi dei rossoverdi di rimontare lo svantaggio. Non ha colpe sulle due retti realizzate da distanza ravvicinata. SICURO
SEMENZATO
6,5semaforo_verde
  Si è occupato di un cliente difficile come Furlan e gli ha impedito di creare pericoli dalla fascia. Nel finale ha controllato Falletti che ha invano cercato spazio allargandosi sulla sinistra. ORDINATO
DI CESARE
6,5semaforo_verde
  Ha 37 anni ma non li dimostra. Con il suo rientro, la difesa ha riacquistato fiducia ed ha saputo resistere con successo agli assalti degli avversari. E’ uscito dopo aver rimediato un paio di colpi duri. GUIDA LA DIFESA
MINELLI
5,5semaforo_rosso
  Ha sostituito Di Cesare ma nel finale convulso ha dovuto subìre la reazione dei giocatori della Ternana. SOFFERENTE
PERROTTA
6,5semaforo_verde
  Non ha concesso spazio agli avversari che sino avvicendati nella sua zona, prima Vantaggiato, poi Falletti e nel finale i due centravanti Ferrante e Raicevic. UN MASTINO
SARZI
6semaforo_verde
  Ha presidiato la fascia sinistra, rimanendo stabilmente nella propria metà campo senza tentare avventure in avanti. Negli ultimi secondi è stato scavalcato sul lancio di Mammarella dalpallone che è finito sul piede di Defendi. UN SOLO NEO
MAITA
7,5semaforo_verde
  E’ stato sicuramente il migliore dei biancorossi. Ha messo grinta e classe sin dal fischio d’avvio e dopo un minuto e mezzo ha portato in vantaggio il Bari. Ha cercato senza fortuna il raddoppio d ha giocato sempre a tutto campo. LEADER
BIANCO
6,5semaforo_verde
  E’ stato il punto di riferimento per più di un’ora nella tre quarti campo barese: ha impostato le ripartenze, dialogando spesso con Maita. Poi gli è mancato il fiato e non ha più retto al ritmo degli avversari. PROPOSITIVO
DE RISIO
6semaforo_verde
  Ha costituito un filtro assai efficace davanti all’area di rigore, intervenendo con tempestività e spesso in anticipo a spezzare le manovre avversarie. Sul corner di Mammarella si è distratto e si è fatto sorprendere da un difensore, Kontek. INDOMITO
ROLANDO
7semaforo_verde
  Ha corso su e giù sulla fascia destra, raddoppiando spesso con Semenzato su Furlan. Si è messo in videnza sia in fase di contenimento che nelle ripartenze. Sfinito, è stato sostituito. TRASCINATORE
SABBIONE
5,5semaforo_rosso
  E’ subentrato a Rolando con il compito di arginare la reazione dei rossoverdi, ma il suo apporto non è stato pienamente efficace. FRAGILE
CIANCI
6semaforo_verde
  Ha impegnato Boben che l’ha fermato con ogni mezzo. E’ anche tornato dietro ad aiutare i compagni della difesa. Nella ripresa è rimasto isolato in avanti e non ha potuto rendersi pericoloso. STOICO
ANTENUCCI
5,5semaforo_rosso
  Rimasto a sorpresa in panchina, è subentrato nel finale a Cianci ma praticamente non ha toccato palla. NON IN PARTITA
CANDELLONE
6,5semaforo_verde
  Una piacevole sorpresa. Ha combattuto come un leone nel primo tempo, poi è calato e Carrera lo ha sostituito con D’ursi. SI SACRIFICA
D’URSI
5,5semaforo_rosso
  Sicuramente il mister si attendeva di più da lui. Non è riuscito né a opporsi con efficacia alla reazione degli umbri né a rendersi pericoloso in avanti. DELUDENTE
Allenatore: M.CARRERA
7semaforo_verde
  Ha rivoluzionato la squadra a sorpresa. Sotto l’aspetto tattico ha infoltito il centrocampo e sul piano morale è stato capace di infondere una forte carica di grinta e determinazione negli elementi scesi in campo. Nel primo tempo la squadra ha offerto una prestazione esemplare, mettendo sotto la capolista. Quando ha cominciato a farsi sentire la fatica per il grande dispendio di energie, i cambi hanno purtroppo fatto la differenza e un paio di disattenzioni hanno sancito una sconfitta immeritata. CORAGGIO E GRINTA MA MANCANO I CAMBI
Arbitro: Sig. ZUFFERLI
7semaforo_verde
  E’ stata una direzione di gara all’inglese da parte dell’arbitro di Udine che ha lasciato giocare, fischiando molto poco. Per oltre un’ora non si è visto alcun cartellino giallo (sono stati solo 3 alla fine) anche per merito dei giocatori che, pur nervosi, hanno commesso solo falli di gioco, senza particolare cattiveria. PRIVILEGIA IL GIOCO





About Peppino Accettura 352 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*