Bari, undicesimo giorno di ritiro: ieri la coppia Di Cesare-Citro ha vinto il torneo di calcio tennis. Oggi seduta pomeridiana…



Nell’undicesimo giorno di ritiro del Bari a Lodrone di Storo, ieri il sole è tornato a fare capolino nella località trentina e la temperatura si è inevitabilmente innalzata fino a superare i 25°C.

In mattinata due gruppi si sono alternati in campo lavorando sullo stesso programma preparato dallo staff tecnico di mister Mignani: attivazione muscolare, poi circuiti di potenziamento muscolare con successiva trasformazione in campo.

Come riportato nel bollettino della società, nel pomeriggio si è invece giocata l’attesa finale di calcio tennis, non senza il colpo di scena a pochi minuti dal via: Carlo Derisio ha dato forfait per un leggero affaticamento e così capitan Di Cesare ha virato su Nicola Citro per la sfida contro Pierluigi Frattali e Mattia Maita. L’obiettivo era quello di arrivare a 21, al meglio dei 3 set. E’ partita subito forte la coppia Di Cesare-Citro che ha conquistato il primo set, lasciando però il secondo agli sfidanti, forse pagando troppo i favori del pronostico e un affiatamento in divenire. Nella tiratissima ‘bella’, sul punteggio di 20 a 18, pallone velenoso su Maita a cui non è riuscito il controllo, pallone fuori e trofeo che ha preso la via della Roma-Salerno. Il programma di giornata è stato poi completato da circuiti tecnici ed esercitazioni tattiche a tutto campo 11 contro 0.

Stmattina c’è stato uno scarico e fisioterapia con ritorno sul campo previsto nel pomeriggio (ore 17:00). Le sedute sono aperte al pubblico, ma il club ricorda che, in ottemperanza ai protocolli sanitari in vigore, non sono possibili assembramenti di nessun genere, nè possibilità di autografi o selfie con il gruppo squadra.





About Redazione barinelpallone 3354 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*