Citro: «Il periodo brutto è alle spalle, voglio dimostrare il mio valore! Ringrazio i tifosi che mi sono stati vicini. Dagli errori passati…»



Per lui la scorsa stagione si è conclusa con diverso tempo d’anticipo a causa di un brutto infortunio. La rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro, occorso durante la sfida contro la Viterbese a febbraio, lo hanno costretto ad uno stop forzato piuttosto lungo, ma per Nicola Citro è arrivato il momento di rimettersi in gioco.

In un video diffuso dal club, l’attaccante 32enne è tornato per un attimo a quei momenti piuttosto complicati: «E’ stato un periodo abbastanza difficile, alludo soprattutto ai primi tempi. Ho però cercato subito di cambiare mentalità e ogni giorno mi sono impegnato a recuperare al meglio. Nonostante la difficoltà di questi 5 mesi e mezzo, non mi sono mai fermato e, a parte un giorno a settimana, ho fatto sempre doppie sedute giornaliere. Ora sto meglio e spero di stare al 100% il prima possibile per aiutare i miei compagni e per poter dimostrare il mio valore in campo».

In questo momento, però, l’ottimismo e i buoni propositi la fanno da padroni: «Sto facendo il massimo per tornare al 110%, ma il verdetto lo emetterà solo il campo. L’unica cosa che posso dire è che ce la metterò tutta per mantenere la migliore forma possibile. Se potrà essere il mio anno? Lo spero! In rosa c’è un parco attaccanti importante, composto da giocatori forti che già c’erano e che sono arrivati ora. Bisognerà dare sempre il massimo per aiutare la squadra. Sono convinto che faremo un grande campionato. La mia speranza è quella di tornare al top entro un mesetto. Non appena tornati a Bari farò dei test per verificare la differenza di forza tra la coscia sinistra e quella destra. Per il resto, la forma ottimale la si trova andando in campo».

L’esplosione di casi “Covid” all’interno del gruppo stanno costringendo la squadra a svolgere un ritiro “particolare”. «Purtroppo non possiamo confrontarci con le altre squadre, non potendo giocare delle amichevoli – ha spiegato il giocatore salernitano – e non possiamo neanche fare delle partitelle tra di noi. Nonostante le difficoltà che stiamo avendo a causa del Covid, stiamo cercando comunque di allenarci al massimo e di tenere vivo l’entusiasmo anche se è difficile. Questo è un momento particolare, ma ce la stiamo mettendo tutta per fare del nostro meglio. Dagli errori commessi in passato si deve trarre insegnamento e siamo un gruppo di ragazzi che ha voglia di dimostrare e di portare il Bari in serie B».

Quanto al suo ruolo: «Ho sempre giocato nel duo avanzato, ma sono a disposizione e posso fare anche il trequartista. Il mio compito devo essere solo quello di farmi trovare pronto ogni ogni volta che il mister mi chiamerà in causa».

Mister Mignani ha fatto un’impressione positiva nell’ex Frosinone: «L’impatto è stato molto buono. Siamo felici del suo arrivo perché a lui piace giocare a calcio e lo dimostra in ogni allenamento negli esercizi che ci fa fare».

La punta biancorossa si è congedata con un pensiero dedicato ai sostenitori del galletto: «Ma lo devo dimostrare ancora perché l’anno scorso ho avuto meno spazio. Però sono felice perché i tifosi mi sono stati vicini durante questi mesi. Li ringrazio perché mi hanno dato parecchia energia per recuperare ancora meglio e spero di dimostrare loro il mio valore per ricambiare il loro affetto».





About Redazione barinelpallone 3354 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*