LA PRESENTAZIONE DELLA GARA, ARBITRO E PRECEDENTI – Bari: importante tornare a vincere ma c’è il problema degli arbitri…



Share

Nei prossimi otto giorni il Bari può chiudere o riaprire il discorso sul campionato. Dipenderà tutto dai risultati che i biancorossi otterranno nei due confronti con Virtus Francavilla, attualmente terza in classifica, e Catanzaro, secondo.

Ma se è vero che la conquista dell’unico posto che vale la promozione diretta in serie B sarà decisa dalle capacità tecniche e tattiche che le squadre metteranno in campo, è anche vero che un ruolo importante possono giocarlo le capacità degli arbitri, nell’occhio del ciclone anche in serie A a causa di alcune recenti decisioni clamorosamente sbagliate.

Anche i biancorossi hanno di che lamentarsi: Bitonti di Bologna e il primo assistente Grasso di Acireale hanno chiuso entrambi gli occhi sul gol di D’Errico non convalidato contro il Picerno (nonostante la palla avesse varcato di mezzo metro la linea bianca) e Cascone di Nocera Inferiore non ha ammonito per la seconda volta il rossonero Garofalo, decisione che ha impedito al Bari di giocare l’ultimo quarto d’ora in superiorità numerica .

Per Mignani questo derby è  una partita molto importante, anche se non ancora decisiva. E’ evidente che il Bari non può concedersi distrazioni e non deve perdere punti che valgono doppio, anche perché c’è la possibilità di sfruttare un’eventuale risultato positivo del Monopoli nell’altro scontro diretto in programma contro il Catanzaro.

La Virtus Francavilla in trasferta non pare irresistibile, avendo ottenuto in 14 gare appena 15 punti (peggio hanno fatto solo 9 squadre) contro i 38 guadagnati in casa. I successi sono stati solo 4 (Fidelis Andria, Potenza, Picerno e Vibonese) e 3 i pareggi (Campobasso, Monopoli e Taranto) contro 7 sconfitte, Delle 39 reti all’attivo, solo 9 sono state realizzate fuori casa.

All’andata, il Bari fu letteralmente travolto dalla Virtus che ebbe una partenza aggressiva e ad un ritmo elevatissimo. Dopo 27 minuti i biancorossi, che soffrivano il campo stretto e il terreno di gioco in erba sintetica, erano sotto di 2 reti, realizzate al 7’ da Ekuban e poi da Caporale, e la gara appariva già compromessa. Nella ripresa arrivò il terzo gol dei biancazzurri e il Bari rimediò la prima e inaspettata sconfitta.

La squadra brindisina è al sesto posto della graduatoria delle formazioni più prolifiche con 39 reti (10 in meno del Bari) segnate da 14 giocatori, alla pari con il Catanzaro. Il cannoniere è un trequartista, Maiorino, con 7 centri, dei quali 5 su rigore.  A quota  5 sono un altro centrocampista, Mastropietro, e l’attaccante Patierno, il più pericoloso perché ha realizzato il suo bottino in appena 9 partite. Seguono poi con 3 reti all’attivo gli attaccanti Perez (1 rig.) e Ventola e il centrocampista Caporale, che precedono l’attaccante italo-ghanese Ekuban e i centrocampisti Pierno, Prezioso e Tchetchoua, camerunense, fermi a 2 gol. Infine chiudono la classifica gli attaccanti Enyan , italo-ghanese, e Tulissi e i difensori Delvino e Miceli, autori di 1 rete a testa. Va aggiunta l’autorete a favore ad opera di Matino (Potenza).

I precedenti a Bari con i brindisini sono estremamente ridotti, soltanto 2, e limitati agli ultimi 2 campionati di serie C. Nella stagione 2019/20 i biancoazzurri giocarono al “San Nicola” poco più di due anni fa, esattamente il 2 febbraio 2020. I biancorossi si imposero per 2-0 grazie alle reti di Antenucci a metà ripresa e di Ciofani nei primi minuti della ripresa. Nel campionato passato la partita si disputò il 24 gennaio 2021 e fu un altro successo, questa volta  davvero travolgente, per il Bari. Nel primo tempo, nel giro di appena 6 minuti, furono realizzati 3 gol: segnò per primo Antenucci, dopo 2 minuti pareggiò il difensore centrale Castorani e dopo altri 4 minuti Marras trasformò il calcio di rigore. Nella  ripresa segnarono ancora Marras e Antenucci. Il bilancio, dunque, è tutto positivo per i biancorossi: 2 vittorie, 6 gol fatti e solo 1 subìto. 

La gara sarà diretta dal sig. Marco Monaldi, iscritto alla sezione di Macerata. E’ un veterano della categoria, essendo stato promosso nella CAN di Lega Pro a giugno del 2018, dopo aver arbitrato 50 partite in serie D. Il suo ruolino registra 52 designazioni in campionato, 302 cartellini gialli, 8 espulsioni per doppia ammonizioni e 5 rossi diretti, addirittura 26 rigori concessi, 16 vittorie interne, 16 pareggi e ben 20 vittorie in trasferta. E’ un arbitro sicuramente severo e “rigorista” come dimostrano le medie di quasi 6 ammonizioni a partita e di 1 rigore ogni 180’. Nella gara Bisceglie-Paganese (2-2) del 24 novembre 2019 decretò 4 calci di rigore, due per parte, tutti trasformati. In Feralpisalò-Mantova (1-3) del 6 dicembre 2020 assegnò 3 massime punizioni ai biancorossi lombardi, che fallirono il primo e realizzarono gli altri 2. Ha arbitrato una sola gara del Bari, la vittoria in casa contro il Bisceglie (2-1) nel campionato 2020/21. Sono invece 4, tutti positivi,  i precedenti in 3 stagioni con la Virtus, che ha conquistato 3 vittorie, a Rieti, a Terni e in casa contro la Vibonese, e 1 pareggio, ancora a Rieti.  Sono stati designati quali collaboratori gli assistenti Massimo Salvalaglio della sezione di Legnano e Francesco Valente della sezione di Roma 2 e il quarto ufficiale Ermes Fabrizio Cavaliere della sezione di Paola.

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da  ELEVEN  SPORT e in radiocronaca diretta da RADIOBARI. Il fischio d’inizio allo stadio  “San Nicola”  è fissato alle ore 17.30.





About Peppino Accettura 474 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*