LA PRESENTAZIONE DELLA GARA, ARBITRO E PRECEDENTI – Pronostico ancora favorevole al Bari nella sfida contro l’Ascoli…



Share

Vivere alla giornata e godersi i risultati positivi uno dopo l’altro.

E’ questa la filosofia che guida la marcia, fino ad oggi davvero trionfale, del Bari, unica squadra imbattuta della serie cadetta. E’ questa una prerogativa che, nei campionati nazionali, possono vantare solo altre 5 squadre sulle 100 impegnate dalla A alla C: sono il Napoli e l’Atalanta nella massima divisione e in serie C il Siena nel girone B e la coppia Catanzaro-Crotone nel girone meridionale.

Le premesse perché la serie positiva arrivi a quota 9 gare ci sono tutte: la condizione fisica della squadra è eccellente (e il merito è tutto dello staff tecnico), il gioco espresso è qualitativamente elevato e i meccanismi tattici funzionano a meraviglia (grazie alle istruzioni di Mignani) e l’avversario di turno, l’Ascoli, è in serie negativa avendo collezionato 1 solo punto nelle ultime 4 partite.

Il Bari ancora una volta gode dei favori del pronostico, ma spetta a Cheddira, Antenucci e compagni confermare sul campo le proprie capacità realizzative: la squadra biancorossa è la più prolifica della serie, con 18 gol segnati, 9 nel primo tempo e altrettanti nella ripresa.

I bianconeri di Bucchi, che molto probabilmente torneranno a giocare con un prudente 4-4-2 abbandonando il recente 3-5-2, presentano una curiosa caratteristica: hanno segnato 7 reti nel primo e solo 2 nei secondi 45’, denunciando quindi un vistoso calo.   

Alla conclusione del campionato scorso, l’Ascoli si classificò al 6* posto, con 65 punti conquistati (30 in casa e 35 fuori), 52 gol fatti e 45 subìti. Nel turno preliminare dei playoff i bianconeri furono sconfitti in casa dal Benevento (0-1). In panchina c’era Andrea Sottil. Cannoniere fu Dionisi (9 reti), seguito dal marocchino Bidaoui (8) e dalla coppia Baschirotto-Tsadiout (4). Questi ultimi due sono andati via in estate, il primo al Lecce e l’altro alla Cremonese. Sono arrivati tra gli altri i difensori Simic (Lecce) e Adjapong (Reggina), i centrocampisti Falzerano (Perugia) e Gnahoré (Amiens) e gli attaccanti Gondo (Cremonese), Lungoyi (San Gallo) e Ciciretti (Como).

L’avvio di questa stagione, invece, è stato piuttosto deludente dopo una fiammata iniziale. I bianconeri nel primo doppio turno interno hanno dapprima sconfitto la Ternana (2-1) e poi impattato con la Spal (1-1) e alla terza giornata hanno raggiunto la vetta della classifica, insieme al Genoa, grazie al clamoroso successo a Palermo (3-2), con tripletta di Gondo. Però dopo è iniziata una serie negativa con appena 2 pareggi, in casa con il Cittadella (0-0) e a Benevento (1-1) e ben 3 sconfitte, a Perugia (0-1) e in casa contro Parma (1-3) e Modena (1-2). Finora l’Ascoli ha realizzato 9 gol (la metà dei biancorossi) con l’attaccante ivoriano Gondo (4 di cui 1 rigore), con il difensore brasiliano Botteghin (2) e infine con gli altri due attaccanti Dionisi e lo svizzero-congolese Lungoyj e il centrocampista Collocolo, autori di un centro a testa.

Il Bari ha ospitato l’Ascoli 21 volte e il bilancio è molto equilibrato: 8 vittorie per i biancorossi, 8 pareggi e 6 sconfitte, 29 gol all’attivo e 21 al passivo. Il maggior numero di gare (15) sono state disputate in serie B, rispetto alla massima divisione (2), alla C (2) e alla Coppa Italia (2). La prima sfida risale giusto a 57 anni fa, precisamente al 17 ottobre 1965, in serie C e finì in parità (2-2). Nel torneo successivo si registrò la prima vittoria biancorossa (1-0 il 15 gennaio 1967), mentre il primo  successo bianconero porta la data del 27 novembre 1977 (3-1). Le ultime 4 partite al “San Nicola” sono state giocate tra il 2013 e il 2018 e si sono alternati sempre gli stessi risultati: prima la vittoria dei marchigiani per 1-0, poi il successo del Bari per 3-0, ancora 1-0 a favore dei bianconeri e infine un altro 3-0 per i biancorossi.

La gara sarà diretta dal sig. Daniele Rutella, iscritto alla sezione di Enna. Trentenne, è stato promosso nella CAN di A e B il primo luglio scorso. Finora ha diretto 2 gare nella serie cadetta, Reggina-Sudtirol 4-0 e Como-Spal 3-3. In serie C è stato designato 72 volte, facendo registrare 353 ammonizioni, 25 espulsioni e 21 calci di rigore concessi. Con l’arbitro siciliano in serie C il Bari ha ottenuto 4 vittorie (2 volte contro il Catanzaro, contro la Juve Stabia e a Pagani) e 1 pareggio, a Monopoli.

 Sono stati designati gli assistenti Daniele Marchi della sezione di Bologna e Alessio Saccenti della sezione di Modena e il quarto ufficiale Adolfo Baratta della sezione di Rossano. Al VAR è stato chiamato Fabio Maresca, iscritto alla sezione di Napoli, coadiuvato dall’AVAR Giampiero Miele, iscritto alla sezione di Nola. L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da SKY Sport (canale 251), DAZN e HELBIZ Live e in radiocronaca diretta da RADIOBARI (88,8/88,9 Mhz in FM). Il fischio d’inizio allo stadio  “San Nicola” è fissato alle ore 16.15.





About Peppino Accettura 472 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*