LA PRESENTAZIONE DELLA GARA, ARBITRO E PRECEDENTI – Bari: basta con i pareggi, Marino sceglie una squadra più aggressiva…


Intensità, aggressività e ferocia agonistica. Sono queste le qualità che Marino chiede ai biancorossi di tirar fuori. Il mister si è riservato di effettuare solo alla vigilia della gara le scelte sull’assetto tattico e sugli uomini da mandare in campo.

Si attende dunque una svolta da parte del tecnico biancorosso per rilanciare una squadra apparsa finora troppo compassata, dai riflessi eccessivamente lenti e incapace di cambiare ritmo.

L’indisponibilità di Maiello per almeno 5 mesi ha costretto il mister siciliano a intervenire sull’assetto della squadra e a portare quasi certamente delle radicali novità: secondo le anticipazioni della vigilia, infatti, saranno scelti i giocatori nella migliore condizione fisica e che garantiscono grande concentrazione.

E’ probabile, pertanto, che inizialmente il Bari abbandoni il 4-3-3 per schierarsi con 2 mediani e un trequartista e 2 esterni alle spalle del centravanti. Un atteggiamento maggiormente offensivo è necessario per affrontare la migliore difesa del campionato. In 8 gare, infatti, il Brescia ha subìto solo 3 reti e sempre mai più di una ogni 90’.

Il Bari, comunque, potrebbe usufruire di un piccolo vantaggio: i lombardi hanno sprecato energie nel recupero di martedì sera contro il Modena, rimediando la prima  sconfitta del campionato.    

Quella passata è stata una stagione drammatica per il Brescia, partito con molte  ambizioni, dopo aver perso 3 mesi prima i play-off per la promozione che avevano favorito il Monza. Ma il campionato 2022/23 si è rivelato un vero calvario. Il presidente Cellino aveva scelto  lo spagnolo Clotet per la panchina, ma i risultati negativi lo convinsero a sostituirlo alla 19^ giornata con Aglietti, che però restò in carica solo 2 giornate. Alla 21^ fu richiamato Clotet, ma alla 24^ fu esonerato nuovamente e chiamato al suo posto Possanzini. Il balletto degli allenatori continuò con Gastaldello, vice-allenatore, al quale fu affidata la squadra alla 25^ giornata.  Il Brescia sprofondò in classifica e dovette affrontare i play-out con il Cosenza, uscendone sconfitto e quindi retrocesso in C. Il disastro economico della Reggina, però, salvò la squadra lombarda che comunque dovette saltare le prime 3 partite in attesa del verdetto finale di  condanna della società calabrese.

Naturalmente, per l’incertezza sul campionato da disputare i movimenti sul mercato sono stati molto contenuti, nonostante la proroga fino all’8 settembre. Sono arrivati i difensori Dickmann dalla Spal e i giovanissimi Tonini (20 anni) dalla Paganese  e Riviera (19 anni) dalla Sanremese, il centrocampisti Besaggio (21 anni) dalla Juventus Giov. e gli attaccanti Moncini dalla Spal e Borrelli dal Frosinone. Sono andati via tanti stranieri, Ayé, Labojko, Bjorkengren, Listkowski, Rodriguez e Karacic.  

In quanto a prolificità, con 6 reti all’attivo la squadra biancazzurra non è la peggiore perché è preceduta solo dalla Feralpisalò (5), ma ha l’attenuante di aver disputato 2 partite in meno. Moncini è stato autore di 2 centri e poi altri 4 giocatori sono andati a segno 1 volta ciascuno: gli attaccanti Bianchi e Borrelli e i centrocampisti Bisoli e Bjarnason, svedese.

Il Bari è stato ospite del Brescia 42 volte, 8 in serie A, 33 in serie B e 1 in Coppa Italia. Il bilancio è favorevole ai lombardi che hanno vinto 14 gare e pareggiate 20, mentre sono 8 i successi biancorossi che hanno realizzato 40 reti e ne hanno subìte 55. L’ultima partita giocata, il 25 febbraio scorso, si è conclusa con la vittoria del Bari per 2-0, grazie alle reti di Benedetti e Scheidler. La precedente, invece, il 23 ottobre 2017, aveva visto prevalere le rondinelle per 2-1, con vantaggio iniziale di Caracciolo, pareggio provvisorio di Galano e poi autorete decisiva di Capradossi. Il Bari era guidato da Grosso, mentre in campo tra i biancazzurri  c’erano Bisoli, ancora oggi  titolare, e Gastaldello, attuale allenatore, e in panchina c’era Pasquale Marino. 

 La gara sarà diretta dal sig. Marco Guida, 42enne, laureato in economia, nato a Pompei e iscritto alla sezione di Torre Annunziata. Ha esordito in serie B ad agosto 2009 e poi in serie A nel gennaio 2010 ed è internazionale dal 2014. Viene fuori da un periodo estremamente sfortunato, segnato da due infortuni che l’hanno bloccato per parecchi mesi e da un errore in Torino-Inter che gli è costato un mese di squalifica. Ha diretto 185 partite in serie A e 49 in serie B. Tra i cadetti ha fatto registrare 208 cartellini gialli, 8 espulsioni per doppia ammonizione e 2 per rosso diretto ed ha assegnato 20 calci di rigore. I precedenti con il Bari sono 6: tra il 2010 e il 2011, 3 partite in serie A (vittoria contro il Brescia e 2 pareggi con Parma e Fiorentina) ed 1 in Coppa Italia (successo contro l’Avellino), e poi 2 gare nella stagione passata in B, ad aprile la vittoria a Bolzano in casa del Sudtirol per 1-0 (rete di Morachioli in pieno recupero) e infine la drammatica sconfitta dell’11 giugno contro il Cagliari nel ritorno dei play-off. Ha diretto il Brescia 5 volte: le prime 2, nel 2009 e 2010, in serie B, contro AlbinoLeffe e Ancona, si sono concluse con altrettante vittorie dei lombardi che poi hanno perso le successive 3 gare, 2 in serie A, nel 2010 a Bari e nel 2019 in casa contro il Torino, e l’ultima nel 2021 in serie B a Perugia. Gli assistenti designati sono Dario Cecconi, iscritto alla sezione di Empoli, e Fabrizio Aniello Ricciardi, della sezione di Ancona. Quarto ufficiale è Dario Madonia, della sezione di Palermo. Al VAR c’é Marco Serra, della sezione di  Torino, coadiuvato dall’AVAR Salvatore Longo, della sezione di Paola.

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da DAZN e SKY Sport  (canale 252) e  in radiocronaca diretta da RADIOBARI . Il fischio d’inizio allo stadio  “Mario Rigamonti” (dimensioni m. 105 x 68, capienza 19.550 posti,  superficie in erba naturale) è fissato alle ore 16.15.






About Peppino Accettura 593 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*