LA PRESENTAZIONE DELLA GARA, ARBITRO E PRECEDENTI – Il Bari  alla verifica del rendimento in trasferta…


BARI – Chiuso felicemente con 6 punti il miniciclo di 2 partite interne, il Bari è atteso alla verifica probante della doppia trasferta a Bolzano e Catanzaro. Sono le prime gare che la squadra di Iachini affronta lontano dal “San Nicola”.

A dire il vero, il tecnico biancorosso è stato chiaro alla vigilia: non possono esserci differenze di rilievo tra le prestazioni nelle gare interne e quelle nelle partite in trasferta e si aspetta un significativo passo avanti perché sono notevoli i margini di miglioramento.

Il doppio impegno in tempi molto ravvicinati, appena quattro giorni, da sabato a martedì, potrà rappresentare una verifica anche per l’intera rosa, considerato che Iachini dovrà necessariamente utilizzare un turn over almeno parziale.

La formazione allenata da Valenti, che ha sostituito Bisoli, in casa ha conquistato appena 12 punti in altrettante gare e sicuramente vorrà riscattarsi per il momento negativo che attraversa: infatti nelle ultime 6 partite interne gli altoatesini hanno vinto solo contro la Feralpisalò, rimediando 5  sconfitte ad opera di Pisa, Como, Reggiana, Cosenza e Venezia.

La squadra di Bolzano presenta una differenza reti leggermente negativa, -4 per 36 reti incassate contro 32 realizzate. Il cannoniere della squadra è il centrocampista Casiraghi con 12 centri, infallibile rigorista, considerato che ne ha trasformato ben 8, cioè tutte le massime punizioni decretate in questa stagione a favore dei biancorossi altoatesini. Nettamente staccati seguono, a quota 4, due attaccanti, DDogwu e Pecorino, che precedono l’altra punta, l’albanese Merkaj, autore di 3 reti. Con 2 gol all’attivo ciascuno vengono poi il difensore Andrea Masiello, indimenticato  ex per la brutta faccenda del calcio scommesse, e Tait. Infine hanno realizzato 1 sola rete a testa gli attaccanti Rauti e Ciervo, il centrocampista slavo Kurtic e il difensore  francese Vinetot.

Fino ad aprile dell’anno scorso, Il Bari non aveva mai giocato in casa del Sudtirol.  Alla 32^ giornata, il 10 aprile 2023, i biancorossi affrontarono per la prima volta quella lunga trasferta che si concluse con un successo di misura firmato da Morachioli in pieno recupero. Nemmeno un mese e mezzo dopo, precisamente il 29 maggio, il Bari tornò a Bolzano per la gara di andata delle semifinali dei play-off e questa volta prevalsero gli altoatesini con modalità molto simili: successo di misura (1-0) grazie al gol di Rover realizzato al 92’.  Quattro giorni dopo i biancorossi pareggiarono il conto vincendo nel ritorno ancora per 1-0 e acquisirono il diritto di giocarsi le finali con il Cagliari. Poi sappiamo tutti come andò.

 La partita sarà diretta dalla sig.ra Maria Sole Ferrieri Caputi,  33enne   iscritta alla sezione di Livorno. Ha esordito in serie D a novembre del 2015, poi nel 2020 è stata promossa in serie C e il 1° luglio 2022 è stata inserita nei quadri della serie A. Lavora come ricercatrice in studi internazionali sul diritto sel lavoro ed è dottoranda all’Università di Bergamo. Predilige lo stile all’inglese, e quindi fischia poco, ed ha la capacità di essere sempre molto vicina all’azione di gioco. Il suo ruolino in serie B è il seguente: 15 gare dirette, 68 ammonizioni, nessuna espulsione e 7 rigori concessi. E’ la seconda volta che il fischietto toscano viene designato per arbitrare i biancorossi. Infatti è già accaduto nella poule scudetto di serie D, il 12 maggio 2019 (Bari-Picerno 0-0). Con il Sudtirol i precedenti sono invece 2, entrambi nella stagione 2022/23 in serie B: Frosinone-Sudtirol 0-0 e Benevento-Sudtirol 0-2: Gli assistenti designati sono Alessio Tolfo, iscritto alla sezione di Pordenone, e Thomas Miniutti, della sezione di Maniago (Pordenone).  Quarto ufficiale è Dario Di Francesco, della sezione di Ostia Lido. Al VAR c’é Antonio Di Martino, della sezione di Teramo, coadiuvato dall’AVAR Paride Tremolada, della sezione di Monza.

L’incontro sarà trasmesso  in diretta TV da DAN e SKY Sport  (canale 254) e  in radiocronaca diretta da RADIOBARI. Il fischio d’inizio allo stadio  “Druso” (dimensioni m. 105 x 63, capienza 5.526 posti, terreno in erba naturale) è fissato alle ore 14.






About Peppino Accettura 580 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*