Bari-Parma 1-1, le pagelle dei biancorossi: Di Cesare eroico, Aramu mai in partita…


BARI – Una serie di irripetibili coincidenze di ritultati, positivi per il Bari, mantiene ancora vive le speranze di salvezza.

Mancano solo 180 minuti alla fine del campionato, cioè 2 sole partite, e si verifica oggi se esista un eventuale vantaggio derivante dall’esito degli scontri diretti tra le 3 squadre a quota 37 e l’altra a quota 40.

Il problema é che il Bari ormai da mesi ha perso la capacità di vincere una partita. La quadra sembra in autogerstione e si allarga sempre più la frattura tra la società e i tifosi e la città che si sentono ampiamente traditi.

Diamo un voto ai giocatori del Bari scesi in campo contro il Parma.

PISSARDO
6,5semaforo_verde
  Ormai l’ex Novara ha sostituito definitivamente il brasiliano Brenno. La su parate danno sicurezza alla difesa. OTTIMI RIFLESSI
PUCINO
6semaforo_verde
  Disputa una gara accorta, badando a tenere la posizione senza avventure in avanti. ACCORTO
DI CESARE
7,5semaforo_verde
  E’ stato l’eroe della giornata. Ha messo la museruola, finché è stato possibile, al 23enne Bonny, una bestia, più alto e più robusto di lui. Ha segnato un gol da cineteca che potrà essere decisivo per il futuro del Bari. EROICO
MATINO
S.V.semaforo_giallo
  Si è fatto trovare pronto quando l’indomito “vecchietto” Di Cesare ha accusato i crampi ed ha chiesto la sostituzione.  
VICARI
7semaforo_verde
  Grande tempismo nel contrastare gli avversari e “murare” le loro conclusioni a rete. Sempre pronto a raddoppiare con i compagni. DOMINA L’AREA
RICCI
6semaforo_verde
  Come Pucino, anche lui opera con molta prudenza in copertura, evitando rischi inutili. NON SI SBILANCIA
MAITA
6,5semaforo_verde
  Per fortuna c’è lui e in buone condizioni fisiche. Regge da solo il centrocampo GRINTOSO
LULIC
4,5semaforo_rosso
  Gioca perché sono assenti, oltre agli infortunati, anche gli squalificato Benali e Bellomo. Il suo apporto è modesto. SPAESATO
ACAMPORA
5semaforo_rosso
  Sostituisce Lulic a metà della ripresa. Fortunatamente il ritmo della gara cala di botto e le due squadre mostrano di accontentarsi del pareggio. Pensa a proteggere la difesa. OPACO
KALLON
4,5semaforo_rosso
  Non salta più l’uomo e commette tanti errori, tra cui il passaggio corto orrizzontale a metà campo che innesca la ripartenza degli avversari con il lanio in profondità a Bonny e conseguente gol. Nelle scuole calcio è la prima cosa che si evita. SI SCIOGLIE IN FRETTA
ACHIK
5,5semaforo_rosso
  E’ il sostituto naturale di Kallon: vivace ma non è ancora maturo. IMMATURO
ARAMU
4,5semaforo_rosso
  Da quando è arrivato a Bari non ha ancora raggiunto una condizione fisica accettabile. Perde l’ennesima occasione di riscatto ma continua a giocare. MAI IN PARTITA
MORACHIOLI
6semaforo_verde
  Il suo ingresso a metà del secondo tempo è la mossa disperata per riequilibrare il risultato. Si impegna a fondo. SGOMITA
SIBILLI
6semaforo_verde
  Fa tutto, il centrocampista, l’attaccante, l’esterno, il difensore. Alla fine crolla ma è indispensabile. TRASCINATORE
NASTI
6semaforo_verde
  Non riceve supporto dai compagni, impegnati a frenare il gioco degli avversari. Comunque è l’unico che nei 90 minuti tira due volte nello specchio della porta emiliana. ISOLATO
Allenatore: F.GIAMPAOLO
S.V.semaforo_giallo
  Non si comprende quali siano le sue competenze per quanto riguarda la scelta della formazione e dei cambi.  
Arbitro: Sig. A.RAPUANO
6,5semaforo_verde
  L’arbitro riminese ha mostrato subito la sua personalità, punendo con un cartellino giallo dopo 5′ il primo intervento duro di Coulibaly,che poi è apparso condizionato fino alla sostituzione, dopo il riposo. Per la prima volta dopo tanto tempo nessun giocatore barese é stato ammonito. Il direttore di gara ha mostrato di aver compreso lo stato d’animo dei calciatori, metà pronti festeggiare la promozione e l’altra metà con lo spettro della retrocessione. COMPRENSIVO





About Peppino Accettura 594 Articoli
Il nostro collaboratore più navigato. Giornalista Pubblicista dal 1970 ed esperto soprattutto di statistiche e materie economiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*