Il Bari strapazza il Parma alla ripresa del torneo! Stellare 4-0 dei galletti ai ducali, nel segno di Cheddira…



Share
L’esultanza di Cheddira, autentico protagonista del match

BARI – Nella prima giornata del girone di ritorno del campionato di serie B, il Bari strapazza il Parma con un rotondo ed altisonante 4-0 che non lascia scampo ad interpretazioni. I galletti giocano una gara pressoché perfetta, impreziosita dal solito Cheddira, autore di una doppietta che lo conferma capocannoniere indiscusso del campionato cadetto con 12 gol (il primo gol è stato giudicato autorete). I biancorossi non corrono grandi rischi in difesa, costruiscono con ordine a centrocampo e finalizzano con estrema lucidità, ricominciando dopo la pausa nel migliore dei modi.

FORMAZIONI
Mister Mignani schiera sulle corsie laterali difensive Dorval e Mazzotta, mentre al centro agiscono Di Cesare e Vicari. Il ruolo di play di centrocampo è come al solito affidato a Maiello, affiancato da Maita e Benedetti. Sulla trequarti si piazza Folorunsho, a sostegno delle due punte Cheddira e Ceter, preferito ad Antenucci.
Mister Pecchia schiera i suoi con il 4-3-3, nel quale Balogh e Osorio sono i centrali difensivi, affiancati da Del Prato e Valenti. Juric è la mente del centrocampo, assistito da Bernabè e Sohm. In attacco giostrano Benedyczak, Bonny e Oosterwolde.

LA GARA
Primo tempo
– Il Bari è un po’ più attendista del solito in avvio, ma al 5′ ci pensa Cheddira a sbloccare il risultato, dopo aver scambiato con Benedetti, con un sinistro da posizione leggermente decentrata che non dà scampo a Buffon anche a causa di una leggera deviazione di Balogh. Il numero 11 biancorosso non si accontenta e all’11’ guadagna un rigore grazie ad un fallo in area dello stesso Balogh: ad incaricarsi del tiro è lo stesso italo-marocchino che firma il raddoppio spiazzando il portiere avversario. Gli ospiti provano ad abbozzare immediatamente una risposta con Bonny, il cui diagonale è debole e non impensierisce Caprile. Al 17′ Sohm manda alto sulla traversa, ma è alla mezzora che i gialloblù si rendono davvero pericolosi con un tocco sotto porta di Benedyczak sull’assist dal fondo di Juric. Il Parma insiste e al 38′ una conclusione di Del Prato produce solo un corner, ma i pugliesi sono in agguato e un minuto dopo Buffon atterra Folorunsho: inizialmente l’arbitro decide per una punizione e ammonizione per l’estremo difensore, ma il VAR gli fa cambiare idea perché il fallo è commesso in area. Dal dischetto è ancora Cheddira a dimostrarsi cecchino infallibile e il tris è servito. Prima dell’intervallo la punta dei galletti è servita da Ceter, ma stavolta la difesa emiliana si salva in angolo.

Il primo rigore calciato da Cheddira

Secondo tempo – Ad inizio ripresa Di Cesare è costretto ad abbandonare il campo per l’aggravarsi di un colpo al volto subito nei primi 45 minuti e al suo posto entra Zuzek. Il match non vive più grandi sussulti come nel primo tempo e, dopo una clusione di Folorunsho, risultata innocua a causa di una deviazione) la prima emozione la crea come al solito Cheddira al 23’ con un’iniziativa prolungata in area che si chiude con un tiro deviato in tuffo da Buffon in corner. Intorno alla mezzora, Folorunsho effettua un cross dalla destra e un tuffo fuori tempo di Balogh mette Cheddira nelle condizioni di battere a rete indisturbato davanti a Buffon che lo ipnotizza: la palla sfiora clamorosamente il palo senza centrare la porta. Al 32’ Dorval ci prova con un rasoterra che sfila però sul fondo sul palo opposto, poco prima che Bellomo e Mallamo subentrino a Folorunsho e Benedetti. Al 40’ entrano anche Salcedo ed Antenucci al posto dell’osannato Cheddira e di un volenteroso Ceter, ma prima del recupero Mihaila ci prova senza fortuna sotto porta, per poi vedersi annullare un bel gol per fuorigioco di Inglese. A pochi istanti dal triplice fischio c’è gloria anche per Salcedo che di testa, su cross di Bellomo, insacca mettendo il proprio sigillo su un successo largo e meritatissimo.

L’esultanza dei giocatori biancorossi

Tabellino
BARI-PARMA 4-0
BARI
(4-3-1-2): Caprile; Dorval, Di Cesare (dal 8′ st Zuzek), Vicari, Mazzotta; Maita, Maiello, Benedetti (dal 35′ st Mallamo); Folorunsho (dal 35′ st Bellomo); Cheddira (dal 40′ st Salcedo), Ceter (dal 40′ st Antenucci). A disposizione: Frattali, Pucino, Gigliotti, Terranova, Ricci, Botta, Scheidler. Allenatore: M.Mignani.
PARMA (4-4-2): Buffon; Del Prato (dal 10′ st Mihaila), Balogh, Osorio (dal 1′ st Camara), Valenti; Bernabè (dal 17′ st Inglese), Juric, Sohm, Benedyczak; Bonny (dal 10′ st Ansaldi), Oosterwolde (dal 29′ st Circati). A disposizione: Chichizola, Corvi, Coubaly, Zagaritis, Hainaut, Vazquez, Charpentier. Allenatore: F.Pecchia.
ARBITRO: sig. N.Baroni della sez. di Firenze. Assistenti: sig. G.Perrotti della sez. di Campobasso e sig. O.Pagnotta della sez. di Nocera Inferiore.
RETI: al 5′ pt Balogh aut. (B), al 13′ pt Cheddira rig. (B), al 44′ pt Cheddira rig. (B), al 48′ st Salcedo (B).
AMMONITI: Camara e Valenti (P).
NOTE: cielo nuvoloso, a tratti piovoso, terreno in ottime condizioni; spettatori: 17.232 (di cui: 9.581 paganti, 7.651 abbonati e 168 tifosi ospiti); angoli: 9-4 per il Parma; recuperi: 3′ pt e 4′ st; il Bari è sceso in campo in maglia rossa con patch dedicata all’anniversario dei 115 anni del club (domani, 15 gennaio); prima della gara è stato osservato un minuto di raccoglimento per rendere onore alla recente e prematura scomparsa  di Gianluca Vialli.





About Tommaso Di Lernia 679 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*