Brutto tonfo interno del Bari: il Venezia vince 3-0 al “San Nicola”, e per i galletti è notte fonda…



BARI – Nella quattordicesima giornata del campionato di serie B il Bari perde in casa inopinatamente per 3-0 contro il Venezia, al termine di una gara poco in chiaro e molto in scuro, non solo per colpa del cielo coperto. I galletti devono piegarsi al cospetto di una squadra nettamente più organizzata che però non deve mostrare il meglio di sé per avere la meglio. Quella contro i lagunari è un brutto stop per i biancorossi, soprattutto dal punto di vista morale. La poca incisività in attacco e un’organizzazione di gioco prevedibile preoccupano. E non poco. Gli ultimi due gol subiti allo scadere non fanno molto testo e appaiono un po’ ingeneroso per i pugliesi che devono sorbirsi un risultato troppo netto, ma i campanelli d’allarme suonano con forza. Se a gennaio non si interverrà efficacemente sul mercato, il campionato sarà davvero duro!

FORMAZIONI
Mister Marino recupera Frabotta, ma deve fare a meno degli infortunati Faggi, Morachioli, Maiello e Menez. Il modulo adottato è ancora il 3-4-1-2 e al centro della difesa, davanti a Brenno, ci sono Pucino, Di Cesare e Vicari, mentre nel fulcro del centrocampo si piazzano Koutsoupias e Benali (preferito a Maita per rimpiazzare Acampora che non è al meglio). Le fasce laterali sono presidiate da Dorval e Ricci, mentre in attacco trovano spazio Nasti e Diaw, supportati da Sibilli alle loro spalle.
Mister Vanoli deve fare a meno di Pohjanpaolo, ma recupera Joronen. In difesa, davanti a Bertinato, ci sono Candela, Altare e Šverko, mentre la linea di centrocampo è composta da Busio, Tessmann, Ellertsson e Zampano. Nel tridente offensivo trovano posto Pierini, Gytkjaer e Johnsen.

LA GARA
Primo tempo
– La prima occasione del match la crea il Venezia al 2′ quando Busio mette al centro una palla insidiosa sulla quale arriva Johnsen che spedisce di pochissimo al lato. La risposta del Bari arriva all’8′ con un cross di Aramu che Tessmann devia in corner, scheggiando la traversa e sfiorando la clamorosa autorete. Busio ci prova invano da fuori al 13′ ed un minuto dopo è Bruno a respingere sulla botta di Sibilli. Al 26′ Ricci appoggia dalla sinistra per Koutsopias il cui rasoterra è intercettato dal portiere ospite. Alla mezzora il risultato si sblocca: Johnsen allarga sulla sinistra per Zampano che crossa verso l’accorrente Pierini, abile a insaccare di piatto. I padroni di casa cercano di reagire alla batosta subita e al 41’, al termine di una mischia, Aramu calcia da posizione favorevole, ma guadagna solo un angolo per la deviazione di Sverko.
Secondo tempo – Il Bari si ripresenta in campo dopo l’intervallo con Achik al posto di Aramu e al 5’ Ricci alza di troppo la mira e spedisce oltre la traversa. All’11’ Brenno si deve rifugiare in angolo sul diagonale di Ellertsson, mentre al quarto d’ora, sul tiro cross di Sibilli, Altare ancora in corner sventando la minaccia. Marino inserisce allora Maita al posto dell’acciaccato Koutsoupias, prima che Pierini chiami in causa ancora Brenno con una conclusione  telefonata. Acampora e Akpa-Chukwu rimpiazzano Benali e Dorval, ma la mossa è inutile. Al 45’ è infatti Tessmann a chiudere i conti siglando lo 0-2 al termine di un micidiale contropiede non capitalizzato pochi istanti prima da Gytkjaer. Entra Bellomo al posto dell’infortunato Pucino, ma a colpire ancora sono i lagunari con un diagonale del nuovo entrato Dembélé. Un 3-0 che legittima la vittoria ospite, sebbene un po’ troppo largo per un Bari che deve ora assolutamente leccarsi le ferite e rimboccarsi le maniche.

Tabellino
BARI-VENEZIA 0-3
BARI
(3-4-1-2): Brenno; Pucino (dal 49′ st Bellomo), Di Cesare, Vicari; Dorval (dal 34′ st Akpa-Chukwu), Benali (dal 34′ st Acampora), Koutsoupias (dal 20′ st Maita), Ricci; Sibilli; Aramu (dal 1′ st Achik), Nasti. A disposizione: Pissardo, Matino, Zuzek, Frabotta, Edjouma, Astrologo, Diaw. Allenatore: P.Marino.
VENEZIA (3-4-3): Bruno; Candela, Altare, Šverko; Busio (dal 40′ st Lella), Tessmann, Ellertsson (dal 33′ st Dembélé), Zampano; Pierini (dal 40′ st Cheryshev), Gytkjaer, Johnsen (dal 24′ st Olivieri, dal 32′ st Jajalo). A disposizione: Grandi, Joronen, Modolo, Ullmann, Kofod Andersen, Mikaelsson. Allenatore: P.Vanoli.
ARBITRO: sig. G.Collu della sez. di Cagliari. Assistenti: sig. V.Di Gioia della sez. di Nola e sig. M.Rossi della sez. di Biella.
RETI
: al 30′ pt Pierini (V), al 45′ st Tessmann (V), al 52′ st Dembélé (V).
AMMONITI
: Benali, Nasti e Maita (B).
NOTE
: cielo coperto e piovoso a tratti, terreno scivoloso; spettatori: 16.458 (di cui: 7.649 paganti, 8.809 abbonati e 121 tifosi ospiti); angoli: 7-3 per il Bari; recuperi: 3′ pt e 10′ st.






About Tommaso Di Lernia 726 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*