GdS – Regalia: «Il Bari ha un’identità offensiva. Brienza fa la differenza. Floro Flores e Gyomber…»

Le considerazioni dell'ex direttore sportivo biancorosso sul momento dei galletti



Share
Norbert Gyomber
Norbert Gyomber

Anche questa settimana, sulle colonne odierne de “La Gazzetta dello Sport“, Carlo Regalia ha fatto il consueto punto della situazione in casa Bari: «È un Bari in continua evoluzione. A prescindere da chi gioca, la squadra ha ormai una precisa identità prettamente offensiva. Nel secondo tempo contro il Pescara è stato davvero un piacere vedere all’opera gli uomini di Grosso. Inutile sbilanciarsi a metà novembre, ma il tutto fa ben sperare. Poter contare peraltro su una rosa così ampia è un grande vantaggio nel contesto di un campionato lungo, anche perché chi entra si dimostra sempre all’altezza della situazione».

Chi assicura sempre una marcia in più è Ciccio Brienza. «Per me non è una novità – ha sottolineato l’ex direttore sportivo dei galletti ai tempi di Matarrese – quando viene inserito strada facendo, fa la differenza. Con lui aumenta il ritmo e i compagni giocano più velocemente. È il caso ad esempio di Tello e Petriccione nel secondo tempo contro il Pescara».

L’ultima considerazione riguarda altri due biancorosso che, per un verso o per l’altro, hanno attirato l’attenzione dell’83enne lombardo: «Dopo il gol, ho visto Floro Flores finalmente sorridente e felice. È corso ad abbracciare Brienza. Darei invece una tirata d’orecchie a Gyomber per qualche eccesso di confidenza. Sarebbe auspicabile che torni ad essere più umile, il difensore ammirato fino ad un paio di settimane fa».








About Redazione barinelpallone 1305 Articoli

La redazione di barinelpallone cerca ogni giorno di raccontare al meglio, con passione e professionalità, le vicende calcistiche di Bari e provincia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*