Tra Bari e Catania termina con un pirotecnico 3-3! Antenucci e Cheddira permettono ai biancorossi di rimontare, ma quanti errori…



BARI – Nella quarta giornata del girone di ritorno del campionato di Serie C, al termine di una gara vibrante e godibile, il Bari pareggia per 3-3 in casa contro il Catania. I biancorossi dimostrano di risentire più dei siciliani del mese di stop forzato, ma la voglia di gettare il cuore oltre l’ostacolo da parte della squadra di mister Mignani sembra la stessa mostrata l’anno scorso. In svantaggio di 3-1, infatti, i galletti tirano fuori la grinta e la determinazione giusta e colgono un pareggio più che meritato. Utile più al morale che alla classifica, in una giornata costellata comunque da tanti errori e sbavature.

LE FORMAZIONI

Mister Mignani deve fare a meno degli squalificati Scavone e Maita, oltre che dell’affaticato Bianco. Rientra Di Cesare, ma non è rischiato dall’inizio e quindi in difesa il tecnico biancorosso piazza sulle fasce Pucino e Mazzotta, preferito a Ricci, mentre in posizione centrale schiera Celiento e Terranova. Di Gennaro riveste il ruolo di play a centrocampo, mentre Mallamo e D’Errico presidiano le corsie laterali. Botta agisce come al solito sulla trequarti, a sostegno della coppia offensiva costituita da Antenucci e Marras.
Mister Baldini si affida ad una difesa a 4 composta dai centrali Ercolani e Monteagudo e dagli esterni Albertini e Pinto. In cabina di regia a centrocampo c’è Cataldi, affiancato da Greco e Provenzano, mentre in attacco giostrano Biondi, Moro e Russini.

L’esultanza di Antenucci dopo il gol dell’1-1, il 200esimo in carriera

LA GARA
Primo tempo
– L’avvio di gara è piuttosto equilibrato , ma avaro di occasioni da gol. Superato il quarto d’ora, Di Gennaro atterra in area Russini e secondo l’arbitro ci sono gli estremi del rigore. Nell’occasione, D’Errico si fa ammonire per proteste e, in quanto diffidato, salterà la prossima gara contro la Paganese per squalifica. Dal dischetto è Moro a confermarsi un cecchino infallibile e a portare in vantaggio gli ospiti. Lo 0-1 ha però vita breve. Non trascorrono infatti 2 giri completi di orologio che Antenucci si fa trovare pronto sulla sinistra, in posizione defilata, ad effettuare una percussione ficcante e a trafiggere Stancapiano con un preciso rasoterra sul primo palo. Per il bomber biancorosso è il gol numero 200 in carriera. Al 24’ il Catania si fa vedere nuovamente in avanti con una potete conclusione di Moro che però è centrale e per Frattali non ci sono problemi a respingere. I galletti tengono bene il campo e vanno ancora pericolosamente al tiro con Mallamo che si vede respingere la sfera da Ercolani in area, ma al 35’ gli etnei colpiscono nuovamente. Greco approfitta di un errore in impostazione avversario, si presenta davanti al portiere di casa e lo batte firmando l’1-2. La reazione dei biancorossi è rabbiosa ed è Antenucci a provarci subito per ben due volte in altrettanti minuti consecutivi. Il numero 7 barese non inquadra la porta di poco, prima con un sinistro a giro dal limite e poi con un destro da posizione centrale molto favorevole. Al 39’ un colpo di testa di Mallamo su assist di Mazzotta è deviato in angolo da un difensore, ma sono ancora i rossazzurri a sfiorare la rete a pochi minuti dall’intervallo con un sinistro di Greco da due passi dalla porta che si spegna di poco sul fondo. Mignani decide di inserire Cheddira al posto di Botta e l’attaccante italo-marocchino si fa subito notare con un tentativo bloccato da Stancapiano.

Il gol di Moro su rigore nel primo tempo

Secondo tempo – Il Bari torna in campo con la novità Citro al posto di Di Gennaro, ma l’azione biancorossa stenta a decollare. Al 12’ il Catania ne approfitta e va ancora in gol: Frattali effettua un miracolo su Moro, ma per Biondi è un gioco da ragazzi piombare sulla respinta dell’estremo difensore e depositare in rete inn beata solitudine e a porta sguarnita. Il 3-1 scuote i pugliesi e il fallo in area di Russini su Cheddira consente ad Antenucci di accorciare le distanze dal dischetto intorno al quarto d’ora. Entra anche Ricci al posto di Mazzotta, ma i siciliani rispondono colpo su colpo senza intimorirsi: Moro e Biondo falliscono la mira in due azioni successive. Al 27’ il Bari completa la rimonta camaleontica. Un lancio dalle retrovie di D’Errico consente a Cheddira di presentarsi davanti al portiere catanese e di superarlo con un beffardo colpo di testa. Il 3-3 è bello e servito. I galletti sembrano finalmente destarsi dal torpore. La pioggia si fa sempre più insistente, ma il match vive il momento più concitato e combattuto, contraddistinto da continui rovesciamenti di fronte. Al 35’ una insidiosa e potente staffilata di D’Errico è deviata in corner poco prima che Mignani decida di richiamare in panchina Pucino e Marras per mettere in campo Belli e Simeri. Al 39’ è ancora protagonista D’Errico che lascia partire un rasoterra a fil di palo e la rasoiata per poco non inganna Stancapiano. Il Bari insiste e sul cross di belli al 43’, Cheddira di testa per poco non sigla il 4-3. Il recupero serve solo ad aumentare le recriminazioni per non aver avuto un impatto migliore al match. Termina in pareggio, ma la voglia di combattere e il carattere mostrato dal Bari oggi sono decisamente di buon auspicio.

Tabellino
BARI-CATANIA 3-3
BARI (4-3-1-2): Frattali; Pucino (dal 36′ st Belli), Celiento, Terranova, Mazzotta (dal 15′ st Ricci); Mallamo, Di Gennaro (dal 1′ st Citro), D’Errico; Botta (dal 42′ pt Cheddira); Antenucci, Marras (dal 36′ st Simeri). A disposizione: Polverino, Plitko, Gigliotti, Di Cesare, Lollo, Paponi. Allenatore: M.Mignani.
CATANIA (4-3-3): Stancapiano; Albertini, Ercolani, Monteagudo, Pinto (dal 24′ st Izco); Greco (dal 46′ pt Zanchi), Cataldi (dal 32′ st Simonetti), Provenzano; Biondi (dal 32′ st Russotto), Moro, Russini (dal 24′ st Ropolo). A disposizione: Sala, Frisenna, Bianco, Sipos. Allenatore: F.Baldini.
ARBITRO: sig. M.Cascone della sez. di Nocera Inferiore. Assistenti: sig. L.Feraboli della sez. di Brescia e sig. A.Nasti della sez. di Napoli.
RETI: al 17′ pt Moro rig. (C), al 19′ pt Antenucci (B), al 35′ pt Greco (C), al 12′ st Biondi (C), al 14′ st Antenucci rig. (B), al 27′ st Cheddira (B).
AMMONITI: Di Gennaro, D’Errico e Pucino (B); Pinto, Albertini, Ercolani, Russini, Stancapiano e Cataldi (C).
NOTE: cielo coperto e temperatura rigida, terreno in buone condizioni; angoli: 7-3 per il Bari; recuperi: 3′ pt e 6′ st; spettatori: 3.552 (di cui 430 abbonati e 6 ospiti).





About Tommaso Di Lernia 645 Articoli
E' il Direttore Responsabile della Testata. Giornalista Pubblicista dal 2002 e tifoso da sempre "unicamente" del Bari. Citazione preferita: "Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità" [Eraclito].

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*