Picci a ‘Il Calcio che ci piace’: “Legatissimo a Brescia. Bari da playoff, sabato occhio all’Airone.”

L'attaccante ex Brescia e oggi all'Omnia bitonto è intervenuto telefonicamente su Radio Manbassa


Share

Durante la trasmissione ‘Il Calcio che ci Piace’, andata in onda questa sera su Radio Manbassa e condotta da Marcello Mancino coadiuvato da Domenico Brandonisio e Andrea Giotta, è intervenuto telefonicamente l’ex attaccante del Brescia Antonio Giulio Picci. Il centravanti ha parlato del suo ex club, in cui ha militato nella stagione 2012/2013 totalizzando 21 presenze e due gol: “Sono rimasto legatissimo alla maglia del Brescia, al mio arrivo la gente di lì mi ha accolto e mi ha trattato subito come se fossi uno del posto. Hanno visto un ragazzo che dava sempre l’anima quando veniva chiamato in causa e tutt’oggi ho tantissimi amici sia compagni di squadra che giocavano nella compagine bresciana che tifosi. Sono grato a questa città che mi ha permesso di calcare palcoscenici importanti, facendomi arrivare a giocarmi la serie A nei playoff contro il Livorno, e conoscere belle persone, ho solo ricordi bellissimi di questa società. Sono tifoso del Bari ma auguro anche al Brescia di tirarsi fuori dalle sabbie mobili, perché in questo momento è in una posizione di classifica delicata.”

Cosa ne pensi della stagione del Bari attuale?

Giudico questo Bari come un bicchiere mezzo pieno, perché abbiamo una grande squadra ma i quattro attaccanti hanno segnato in totale solo cinque gol in trenta partite. Con un attacco dal punto di vista realizzativo così apatico, essere al quarto posto in classifica per me è quasi un miracolo sportivo, perché se non segnano i centravanti è difficile scalare la classifica. Senza i gol di Galano e Improta a quest’ora erano in zona playout, menomale che hanno fatto inizialmente quelle reti. Se guardiamo l’Empoli Caputo e Donnarumma hanno fatto insieme 25 gol e il Frosinone con Dionisi e Ciofani 18 gol, per questo si trovano in quella posizione in classifica. I biancorossi, quindi, li reputo inferiori alle squadre che stanno davanti e in questo momento sono in una posizione, ripeto, positiva. Dobbiamo tentare di piazzarci bene nella griglia playoff, perché l’Empoli è già in A e il secondo posto sarà occupato da Frosinone o Palermo.”

Parlaci del prossimo avversario dei biancorossi, il Brescia: chi bisogna temere di più fra le Rondinelle?

Il Brescia è la squadra più giovane di tutta la serie B, ha un presidente ambizioso come Cellino che sappiamo quanti anni ha fatto di serie A alla guida del Cagliari. La formazione delle Rondinelle è composta da un centrocampista come Tonali che lo vuole mezza serie A, tra cui la Juventus. Da quel che so, però, ci saranno molti indisponibili tra infortuni, squalifiche e convocazioni nelle nazionali. Il pericolo numero uno sarà sempre lui: l’Airone Andrea Caracciolo, perché è un calciatore che a 37 anni riesce ancora a fare la differenza e mai nessuno ha segnato quanto lui nel club lombardo.

Su Brienza e Caracciolo, che fanno le fortune rispettivamente di Bari e Brescia, l’ex attaccante del Gravina conclude così: “Noi siamo appoggiati su Franco Brienza, menomale che ce l’abbiamo. Non è lui che ci dovrebbe risolvere i problemi ma qualcun’altro. La stessa cosa vale per il Brescia, si affida a Caracciolo per risolvere le partite, nonostante la sua età avanzata, ma ripeto è in grado ancora di fare la differenza proprio come Brienza.

 






About Francesco Margiotta 549 Articoli
Collaboratore ed aspirante Pubblicista. Si occupa di qualsiasi argomento attinente al calcio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*