Folorunsho: «Era importante tornare a fare i 3 punti. Siamo stati bravi a sfruttare al massimo le occasioni concesse dal Cittadella. Sin dalla prima di Coppa Italia ho detto che…»

Le dichiarazioni del centrocampista biancorosso al termine del match contro il Cittadella



Share

Al termine del match giocato al “Tombolato” tra Cittadella e Bari, a presentarsi davanti ai microfoni dei giornalisti per i biancorossi è stato Michael Folorunsho che ha così commentato a caldo la vittoria per 3-0: «È stata una partita difficile perché il Cittadella è una squadra che ti costringe a fare il suo gioco. Noi siamo stati bravi a sfruttare al massimo le prime due occasioni che ci hanno concesso, facendo gol. Volevamo la vittoria a tutti i costi e siamo stati bravi a soffrire tutti insieme, in attesa del momento giusto per chiudere la partita. Ci siamo riusciti».

Quanto alla posizione più avanzata, rispetto al solito, in cui è stato schierato da mister Mignani: «Quel ruolo l’ho ricoperto spesso negli ultimi due anni e nella maggior parte delle partite. Quando sono arrivato qui, il mister mi ha chiesto di giocare mezzala perché riteneva più opportuno che io giochi lì e io mi sono adattato a farlo. Questi sono due ruoli che posso fare benissimo e sono pronto ad adattarmi e a giocare dove mi chiederà il tecnico. Posso giocare più avanti o più dietro, dove serve, ed io mi farò trovare pronto a dare sempre il massimo».

Il 24enne romano ha analizzato l’ultimo frangente di tempo non brillantissimo della squadra: «Questo è stato un periodo in cui siamo riusciti a sfruttare meno le occasioni che creavamo ed in cui, secondo me, siamo stati anche molto sfortunati. La fortuna però te la devi anche andare a cercare come ce fatto oggi sfruttando i loro errori e facendoci trovare pronti. L’importante era riportare i tre punti a casa, ci siamo riusciti e siamo molto contenti per questo».

Il centrocampista biancorosso non ha però mai nutrito dubbi sulla forza del gruppo: «Sin dalla prima partita di Coppa Italia ho subito detto che secondo me questa fosse una grande squadra e che ce la saremmo potuta giocare con tutti. Nel bene e nel male, abbiamo sempre provato a fare il nostro gioco contro chiunque. Ultimamente non siamo riusciti a centrare la vittoria, ma anche quando non riusciamo a vincere, conquistiamo almeno un pareggio, ottenendo punti preziosi che fanno muovere la classifica. Quando poi arrivano i tre punti, come accaduto oggi, quei pareggi diventano preziosi. Ora siamo terzi in classifica e ad inizio anno nessuno si aspettava un Bari così. Dal canto nostro, continueremo a dare il massimo per provare a fare contenti i nostri tifosi e ce la metteremo tutta da qui fino a fine anno».

Il calciatore di origini nigeriane ha quindi parlato del suo compagno Scheidler, protagonista assoluto del match: «Lui è veramente un ragazzo d’oro. Si allena sempre al massimo e si mette a disposizione della squadra. Tutti noi del gruppo e anche la società abbiamo molta fiducia in lui e sappiamo che è un giocatore importante. Ha delle grandi caratteristiche che ci possono veramente dare una mano e sappiamo che può fare molto bene».

Il numero #90 dei galletti si è congedato dai microfoni della stampa parlando di Cheddira: «Sappiamo tutti che ha avuto un esplosione clamorosa e quindi coprire il ruolo che faceva lui è una cosa veramente difficile. Ci ritroviamo a doverlo sostituire, ma abbiamo tanti giocatori che possono fare bene in tanti ruoli. Auguro a Walid di arrivare il più lontano possibile nel mondiale, e lo aspettiamo a braccia aperte perché, oltre ad essere un compagno, è anche un amico, nonché un grandissimo calciatore».





About Redazione barinelpallone 3541 Articoli
La redazione racconta con passione e professionalità le vicende calcistiche di Bari e provincia. Testata Giornalistica "Barinelpallone", Reg. Trib. Bari R.G. n. 4697/12-11-2015 (Reg. Stampa n.18). Dir. Resp.: dott. T. Di Lernia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*